Ilaria, prof a soli 19 anni: «La mia è una vocazione. Dalla Puglia alle Marche, ma sono felice»

Ilaria, prof a soli 19 anni: «La mia è una vocazione. Dalla Puglia alle Marche, ma sono felice»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 5 Ottobre 2022, 16:16 - Ultimo aggiornamento: 6 Ottobre, 22:51

Si chiama Ilaria Agricola, ha soli 19 anni, è di Torremaggiore - un Comune italiano di 16 528 abitanti della provincia di Foggia - ed è una delle docenti più giovani d'Italia. Si è diplomata appena un anno fa, nell'estate del 2021, all'Istituto socio sanitario Ipsia Antonio Pacinotti di Foggia, con l'indirizzo ottico. E ha avuto una cattedra come insegnante Itp di Laboratorio di Ottica all'Istituto d’istruzione superiore “Podesti-Calzecchi-Onesti” di Ancona, dove si è trasferita per motivi di studio (frequenta Biologia molecolare).

Il racconto

Si è raccontata a OrizzonteScuola, una rivista online specializzata sul mondo della scuola, ed è partito dal suo rapporto con i propri docenti. «Ho avuto nella mia scuola, al Pacinotti, insegnanti sempre giovani e preparati. Grazie a questo esempio, che vivevo a scuola, ho maturato sempre più la voglia di fare quello che facevano loro in classe. Tuttavia non mi sono inserita immediatamente nelle graduatorie, appena diplomata, lo scorso anno, nel 2021, perché la mia idea era quella di continuare negli studi, cosa che ho fatto, iscrivendomi all’università».

La sua è stata una folgorazione. Frequentava il terzo superiore quando ha deciso di insegnare. Come una vocazione. E quando è arrivata la chiamata non ci ha neppure pensato un attimo. «Ovvio, non mi aspettavo che mi avrebbero chiamata a questa età, ma non ho avuto dubbi nell’accettare. Ho pure contattato per un confronto tutti i miei insegnanti della materia, Laboratorio di Ottica, presso la scuola dove mi ero diplomata, e mi hanno consigliato di non rinunciare, peraltro si trattava di una supplenza annuale. E sempre sotto il loro consiglio ho accettato di iniziare questo percorso di insegnamento che desideravo e i miei vecchi docenti mi hanno aiutata con consigli ma anche nel preparare un programma per le classi che mi sono state assegnate. Tuttavia, fin da subito, mi son messa a seguire i corsi di formazione organizzati dalla scuola per i nuovi docenti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA