Covid, Usa: approvato il booster del vaccino Pfizer per i bimbi tra i 5 e gli 11 anni

Il via libera è arrivato dalla Food and Drug Administration: "L'ondata di Omicron ha visto più bambini ammalarsi ed essere ricoverati in ospedale"

Martedì 17 Maggio 2022
Covid, Usa: approvato il booster del vaccino Pfizer per i bimbi tra i 5 e gli 11 anni

La Food and Drug Administration (Fda) americana ha autorizzato la dose booster del vaccino anti-Covid prodotto e sviluppato da Pfizer e BioNtech, destinato ai bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni. L’ente, come riporta un comunicato ufficiale, ha modificato proprio in data odierna l'autorizzazione all'uso di emergenza per questo vaccino, concedendo il via libera per la somministrazione di un singolo richiamo ai bambini di questa fascia d'età, almeno 5 mesi dopo il completamento del ciclo primario effettuato con due dosi.

 

Leggi anche > Covid, Enac: mascherina Ffp2 obbligatoria su tutti voli in Italia

 

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) dovrebbero confermare, con tutta probabilità, l'indicazione della stessa Fda. Una riunione di esperti per discutere la questione è già prevista per giovedì.

 

DIFFUSIONE DI OMICRON NEI BAMBINI

 

«Sebbene nella maggior parte dei casi si è verificato che il Covid-19 tenda ad essere meno grave nei bambini rispetto agli adulti, l'ondata di Omicron ha visto più bambini ammalarsi ed essere ricoverati in ospedale», ha affermato in una nota il commissario della FDA, Robert Califf, come segnala l’agenzia Reuters. Lo stesso Califf ha affermato che questa autorizzazione può aiutare a fornire una protezione continua contro il Covid-19 per i bambini nella fascia d’età 5-11 anni. 

 

I dati fin qui ottenuti, ha riferito l’esperto, hanno infatti dimostrato che l'efficacia del vaccino inizia a diminuire nel tempo. E anche per questo motivo il governo degli Stati Uniti ha esortato gli americani a procedere con i richiami e a sottoporre a vaccinazione chi finora non l’ha fatto, perché i non vaccinati corrono un rischio molto più elevato di contrarre una forma grave della malattia e di andare incontro alla morte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA