Assalto al Congresso, caccia all'uomo che ha piazzato bombe artigianali: ricompense fino a 100mila dollari

Martedì 2 Febbraio 2021
Assalto al Congresso, caccia all'uomo che ha piazzato bombe artigianali: ricompense fino a 100mila dollari

Non c'è stato solo l'assalto al Congresso dei suprematisti e sostenitori di Donald Trump. L'Fbi, infatti, è alla ricerca di un uomo che il 5 gennaio scorso, il giorno prima dell'invasione a Washington, aveva piazzato due bombe artigianali nei pressi della sede del Parlamento degli Stati Uniti.

 

Leggi anche > Chucky, la bambola assassina attacca in metro i passeggeri senza mascherina

 

Assalto al Congresso, è caccia all'uomo

L'Fbi sta indagando su quanto accaduto il giorno precedente all'assalto dei sostenitori di Donald Trump che, il 6 gennaio scorso, avevano invaso il Congresso che doveva riunirsi per ratificare la vittoria elettorale di Joe Biden. Sui social è stata pubblicata un'immagine del sospetto, un giovane che avrebbe piazzato due ordigni artigianali nei pressi del Congresso. L'uomo indossava una felpa grigia con cappuccio e un paio di scarpe Nike Air Max Speed Turf di colore giallo, nero e grigio. Inoltre, come dimostrano le immagini riprese da alcune telecamere di sicurezza, l'uomo portava con sé un piccolo carrello, all'interno del quale si trovavano le due bombe artigianali.

 

Washington, le due bombe scoperte poche ore dopo

Le due bombe artigianali piazzate dall'uomo ancora ricercato dall'Fbi erano state scoperte poche ore dopo la loro collocazione. Il sospetto le aveva lasciate non lontano dal Congresso e in due luoghi simbolici: la prima bomba era infatti stata piazzata nei pressi della sede del Comitato nazionale repubblicano, la seconda nella sede di quello democratico. Una volta rinvenuti, i due ordigni artigianali erano stati immediatamente disinnescati.

 

Washington, la taglia dell'Fbi

L'Fbi continua a ricercare i responsabili dell'accaduto. Non è escluso infatti che possa aver agito più di una persona e gli investigatori hanno anche offerto una taglia per chiunque sia in grado di rivelare dettagli utili alle indagini. A seconda delle informazioni, viene offerta una ricompensa che va dai 50mila ai 100mila dollari (da oltre 41mila a oltre 83mila euro).

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA