Leucemia, ragazza guarisce dopo 10 anni grazie a nuova terapia. Medici le diedero poche settimane di vita

"È un miracolo che io sia viva"

Leucemia, ragazza guarisce dopo 10 anni grazie a nuova terapia. Medici le diedero poche settimane di vita
Leucemia, ragazza guarisce dopo 10 anni grazie a nuova terapia. Medici le diedero poche settimane di vita
3 Minuti di Lettura
Sabato 23 Luglio 2022, 14:16 - Ultimo aggiornamento: 24 Luglio, 00:30

Una diciassettenne a cui sono state date poche settimane di vita mentre combatteva la leucemia all'età di sei anni è guarita. Emily Whitehead, di Philipsburg (Pennsylvania), è riuscita a curare la malattia 10 anni dopo aver seguito una terapia rivoluzionaria. «Diffondere la consapevolezza su trattamenti come il CAR T-cell è davvero importante per me», ha detto a People . «È un miracolo che io sia viva — e sono così grata».

Tumore al colon, allerta antibiotici: il consumo elevato «aumenta il rischio del 49%»

L'inizio della malattia

Nel 2010 Emily ha iniziato la chemioterapia, ma ha avuto una ricaduta nell'ottobre 2011 e le è stato dato solo il 30% di possibilità di sopravvivenza. La leucemia di Emily è progredita rapidamente ed è diventata sempre più resistente alle cure. A febbraio 2012, la sua salute era peggiorata al punto che non era ammissibile a un trapianto di midollo osseo per curare la malattia.

La nuova terapia

Dopo che ai suoi genitori è stato detto che non avevano opzioni, l'hanno portata a chiedere un secondo parere al Children's Hospital di Philadelphia (CHOP). Così Emily è diventata la prima paziente pediatrica al mondo ad avere la terapia con linfociti CAR T, un trattamento in cui le cellule del paziente vengono ingegnerizzate per attaccare le cellule tumorali. 

Emily è stata in grado di battere le probabilità grazie a un trattamento innovativo che è stato reso disponibile proprio quando ne aveva bisogno. Il dottor Stephan Grupp, il direttore inaugurale del Susan S. e Stephen P. Kelly Center for Cancer Immunotherapy presso CHOP, era appena stato autorizzato ad aprire il primo studio di fase 1 per la terapia con cellule T CAR in pazienti pediatrici con ALL. La terapia con cellule T CAR sfrutta la potenza del sistema immunitario di un paziente riprogettando le sue cellule T per attaccare le proteine ​​che si trovano sulla superficie delle cellule tumorali.

Come funziona

La terapia con cellule T CAR è un trattamento in cui le cellule di un paziente sono progettate per attaccare le cellule tumorali. Implica il prelievo di una specifica cellula immunitaria - nota come cellule T - dal sangue di un paziente. I linfociti T aiutano il corpo a combattere le infezioni cercando virus e altri agenti patogeni, prima di ucciderli. Queste cellule vengono quindi modificate in laboratorio per esprimere un gene che codifica per un recettore specifico che si lega a una proteina sul cancro del paziente. Una volta che queste cellule vengono reinfuse nel sangue di un paziente, il loro sistema immunitario viene "riprogrammato" per riconoscere e combattere i tumori. La terapia CAR-T - recettore chimerico dell'antigene T-cell - è quindi personalizzata per ciascun paziente. È adatto a persone con tumori del sangue avanzati o in peggioramento che non rispondono al trattamento o hanno una ricaduta. La Food and Drug Administration statunitense ha approvato due terapie cellulari CAR-T nel 2017.

© RIPRODUZIONE RISERVATA