Droga per la movida, arrestati due incensurati

Sabato 20 Giugno 2020
Avevano messo in piedi una piazza di spaccio per soddisfare le richieste di tanti giovanissimi che, ogni sera, animano la movida tarantina. Ma i protagonisti della vicenda non sono i soliti pregiudicati dal curriculum criminale di spessore e i luoghi non sono le consuete zone degradate dei sobborghi cittadini ma giovani incensurati e il luogo dello smercio della sostanza stupefacente era la centralissima via Nitti. A originare le indagini è stato il movimento anomalo di giovani, soprattutto nella fascia oraria serale del fine settimana, nei pressi dello stabile di via Nitti. La Squadra Mobile ha potuto così stroncare quella che si è rivelata una efficiente e redditizia piazza di spaccio. Tanti giovani entravano continuamente nel palazzo e ne uscivano subito dopo in modo frettoloso. Un segnale che, con ogni probabilità, all'interno del condominio si svolgeva lo spaccio di stupefacenti. Sono iniziati servizi di osservazione e di appostamento e indagini che hanno portato a individuare l'appartamento, meta di una sorta di pellegrinaggio. A 'gestirlò  un tarantino di 29 anni, del tutto sconosciuto agli archivi di polizia. 
In sua compagnia spesso è stato notato un 27enne residente a Grottaglie, anche lui incensurato.I poliziotti hanno così deciso di intervenire. Una pattuglia ha raggiunto l'abitazione di residenza del 29enne, mentre le altre sono andate in via Nitti in attesa dell'arrivo del presunto pusher. Ai poliziotti appostati in via Nitti non è sfuggita una circostanza anomala: un'auto si è fermata davanti al portone dello stabile e il conducente ha scattato una fotografia. Con ogni probabilità si trattava di una vedetta che voleva rendersi conto della situazione per dar campo libero ai complici.  Dopo poco, è giunto il 27enne a bordo dell'utilitaria bianca che, in tutta fretta, si è precipitato verso l'abitazione ma ma lo attendevano sul pianerottolo, i poliziotti. Dopo un  timido tentativo di giustificare la propria presenza sul posto gli agenti gli hanno trovato addosso le chiavi che aprono la porta dell'appartamento. Nel frattempo i colleghi stavano perquisendo l'abitazione di residenza del 29enne, dove non è stato trovato nulla. Insieme a lui, si sono spostati nell'appartamento di via Nitti per proseguire le operazioni. Una volta aperta la porta, gli agenti si sono trovati di fronte numerosi involucri in cellophane contenente marijuana.  © RIPRODUZIONE RISERVATA