Serie D, girone H: 90' alla fine del campionato. I verdetti e le combinazioni: Nardò, ora serve l'impresa

Martedì 17 Maggio 2022 di Domenico BRANDONISIO

Ancora novanta minuti di fiati sospesi, emozioni, attese e che porteranno inevitabilmente a verdetti inappellabili: se per quanto riguarda i discorsi promozione tutto è stato deciso da tempo, non si può invece affermare lo stesso su tutto il resto e diverse sono le pugliesi del girone H di Serie D che restano in attesa di conoscere il proprio futuro. Partiamo dai playoff. Il Fasano è ormai certo del quarto posto finale ed affronterà nel prossimo turno il Gravina, che ancora spera di accedere agli stessi spareggi. Una vittoria dei ragazzi di Danucci, a fronte di una sconfitta del Bitonto, sarebbe inutile per il terzo posto a causa degli scontri diretti sfavorevoli. I gialloblù di Summa e Ragone devono soltanto vincere e sperare nelle sconfitte di Nocerina e Casertana, a sua volta impegnato contro il San Giorgio. Gara, questa, che è importantissima per un'altra pugliese, ossia il Bisceglie. Gli uomini di Tisci, per scongiurare almeno per il momento la retrocessione diretta in Eccellenza, devono soltanto vincere al Ventura contro il Nola. Il San Giorgio ha due punti di vantaggio sui nerazzurri: qualora pareggiasse, si andrebbe allo spareggio, in caso di ko sarebbero invece Coletti e compagni ad accedere direttamente ai playout. Se il Bisceglie non vincesse, sarebbe fuori da tutto. Un po' più ingarbugliato è invece ogni discorso relativo al bivio tra salvezza diretta e playout: coinvolte due salentine, Casarano e Nardò. Le serpi sono a +2 sulle inseguitrici ed al momento salve, ma soltanto una vittoria contro l'Altamura già salvo le terrebbe al riparo da spiacevoli sorprese senza guardare in casa d'altri. In caso di pareggio o sconfitta, Lavello e Rotonda (avversarie tra loro) e Nardò non dovrebbero andare oltre il pareggio, altrimenti il rischio di disputare i playout diventa enormemente concreto. I ragazzi di Monticciolo sono infatti in svantaggio negli scontri diretti non solo con le due lucane, ma anche con il Nardò. A fare la differenza in negativo contro il toro sarebbe il numero delle reti segnate in trasferta. I granata, dal canto loro, potrebbero raggiungere la salvezza diretta qualora vincessero e, nel frattempo, ci fosse una mancata vittoria del Casarano. Ormai condannato da tempo al ritorno in Eccellenza è il Matino, Cerignola in C, Molfetta, Brindisi ed Altamura ormai salve. Come andrà a finire? Ancora novanta minuti di alta tensione e sapremo: tempo di attesa irrilevante rispetto ai numerosissimi colpi di scena che si sono susseguiti durante l'arco dell'intera stagione.

Serie D girone H, i calcoli: verdetti e possibilità

CERIGNOLA - Promosso in Serie C

BITONTO - Terzo in classifica

FASANO - Quarto in classifica

GRAVINA - Ai playoff se vince contro il Fasano e Nocerina e Casertana perdono

MOLFETTA, ALTAMURA E BRINDISI - Salve

CASARANO - Resta in Serie D senza spareggi se batte la Team Altamura oppure non vince e lo stesso fanno anche Nardò, Lavello e Rotonda

NARDO' - Resta in Serie D senza spareggi se vince contro il Molfetta e Casarano non vince e Rotonda e Lavello non vanno oltre il pareggio. In caso di arrivo a pari punti col Casarano sarebbe in vantaggio per numero di gol segnati in trasferta. Vantaggio negli scontro diretti con le lucane Rotonda e Lavello

BISCEGLIE - Accede ai playout se vince ed il San Giorgio perde contro la Casertana. Accede allo spareggio per i playout se vince ed il San Giorgio pareggia. Retrocede direttamente in Eccellenza se vince e lo stesso fa il San Giorgio, oppure se non vince.

VIRTUS MATINO - Retrocesso in Eccellenza

(Credit foto: Macorano/Nardò)


© RIPRODUZIONE RISERVATA