Tumore, le metastasi «si diffondono meglio mentre dormi». Gli scienziati avvertono: il cancro si risveglia durante la notte

La ricerca

Mercoledì 22 Giugno 2022
Tumore, le metastati «si diffondono meglio mentre dormi». Gli scienziati avvertono: il cancrodi risveglia durante la notte

Il tumore può trovare più facilità nel diffondersi all'interno del corpo quando i pazienti stanno dormendo. È quanto suggerisce uno studio pubblicato su Nature. Finora gli scienziati avevano ipotizzato che il processo killer - che spesso rende incurabili i tumori - si verificasse continuamente durante il giorno. Ma nuove prove mostrano come questo avvenga principalmente durante la notte. Gli accademici svizzeri ritengono che i tumori si "risveglino" quando i pazienti dormono. Si ritiene che la colpa sia dell'aumento dei livelli di melatonina, lo stesso ormone che determina i nostri modelli del sonno.

 

 

Tumore, lo studio su Nature

Gli esperti ritengono che i risultati, in particolare sul cancro al seno, potrebbero essere uguali anche per altri tipi di tumore. Potrebbe significare che i medici sarebbero in grado di diagnosticare meglio i pazienti e persino curarli prelevando campioni di notte. Circa il 90% delle donne sopravvive al cancro al senso almeno cinque anni se la malattia non si è diffusa nel corpo. Ma i tassi di sopravvivenza crollano a solo il 29% per le donne il cui cancro ha avuto una metastasi. Il nuovo studio, condotto da esperti dell'ETH di Zurigo, è stato pubblicato sulla rivista scientifica Nature. I ricercatori hanno cercato di studiare come i livelli delle cellule tumorali circolanti, quelle responsabili delle metastasi, differiscano nel corso della giornata. In primo luogo, hanno prelevato campioni di sangue da 30 donne con cancro al seno alle 4 e alle 10. Hanno scoperto che c'erano quasi quattro volte più cellule nei campioni dalle 4 del mattino - quando i partecipanti stavano dormendo - rispetto alle 10. Tuttavia, una maggiore prevalenza delle cellule non porta necessariamente a una maggiore possibilità che il cancro si diffonda nel corpo. La maggior parte delle fughe muoiono nel sangue. Solo una manciata riesce a stabilirsi altrove nel corpo. 

 

 

 

«Quando la persona colpita dorme, il tumore si risveglia»

Il professor Nicola Aceto e i suoi colleghi hanno quindi esaminato come le cellule abbiano colpito i topi per vedere se quelle assunte di notte avessero maggiori probabilità di provocare tumori. I campioni sono stati prelevati da topi con cancro al seno sia mentre dormivano che dopo il risveglio. Ai topi sani sono state quindi somministrate iniezioni di entrambi i tipi di cellule, per vedere se queste fossero in grado di provocare il cancro nei loro corpi. I risultati hanno mostrato che i campioni prelevati da topi dormienti avevano una probabilità significativamente maggiore di provocare un tumore nei topi sani. I ricercatori hanno affermato come i risultati suggeriscano che i medici dovrebbero provare a prelevare campioni di sangue di notte o al mattino presto per individuare meglio quando un tumore inizia la sua fase di metastasi.

 

 

«Quando la persona colpita dorme, il tumore si risveglia - ha dichiarato il professor Aceto, oncologo molecolare - A nostro avviso, questi risultati possono indicare la necessità per gli operatori sanitari di registrare sistematicamente il momento in cui eseguire le biopsie. Può aiutare a rendere i dati veramente comparabili.» Esperti indipendenti hanno inoltre affermato come la ricerca suggerisca che gli attuali trattamenti volti a distruggere le cellule tumorali, come la chemioterapia, potrebbero essere più efficaci di notte o al mattino presto. Scrivendo sulla stessa rivista, la professoressa Sunitha Nagrath, ingegnere chimico dell'Università del Michigan, ha affermato: «La natura dipendente dal tempo della dinamica delle cellule tumorali circolanti potrebbe trasformare il modo in cui i medici valutano e curano i pazienti. I dati che indicano la proliferazione e il rilascio di cellule tumorali circolanti durante la fase di riposo suggeriscono che i medici potrebbero aver bisogno di diventare più consapevoli di quando somministrare trattamenti specifici».

Omicron 5, i nuovi sintomi e la quarta dose che non funziona come previsto. Le previsioni di Bassetti sull'autunno che ci aspetta

Ultimo aggiornamento: 25 Giugno, 08:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA