Accoltellato sul bus 105 a Centocelle. «Dammi il cellulare», arrestato un tunisino

L’uomo, il giorno dopo, ha scippato una donna sul tram 5 a viale Manzoni ed è stato riconosciuto da entrambe le vittime

Accoltellato sul bus 105 a Centocelle per il cellulare: arrestato un tunisino
Accoltellato sul bus 105 a Centocelle per il cellulare: arrestato un tunisino
di Flaminia Savelli
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 21 Settembre 2022, 22:37 - Ultimo aggiornamento: 23 Settembre, 17:39

Armato di coltello saliva a bordo dei tram e dei bus della Capitale per rapinare i viaggiatori. Ha messo a segno un colpo dietro l’altro fino a quando per il bandito non sono scattate le manette. A inchiodarlo sono state le denunce delle ultime due vittime e un confronto all’americana che non gli ha lasciato scampo. «È stato lui», hanno confermato agli investigatori l’uomo e la donna che avevano raccontato ancora sconvolti quanto avvenuto. Così sono scattate le manette per il 36enne di origini tunisine su cui ora sono in corso ulteriori accertamenti. Il sospetto è che sia lui l’autore di altri colpi messi a segno sui trasporti pubblici della città.

Bomba fa esplodere il bancomat, ai banditi restano le banconote bruciate

I COLPI IN SERIE

«Dammi il telefono o ti accoltello», così il rapinatore ha detto alla vittima. Ma il bandito non ha potuto prevedere la reazione dell’uomo che, sotto la minaccia della lama, invece di arrendersi ha reagito. Tutto è accaduto in una manciata di secondi la sera del 10 settembre a bordo del bus del 105, la linea che dal Parco di Centocelle attraversa la via Casilina. Dunque la vittima, un cittadino del Bangladesh di 33 anni, ha reagito alle minacce mettendo in fuga il ladro. Nella colluttazione è però rimasto ferito. Dopo essere stato medicato ha poi sporto denuncia ai carabinieri di zona. 

Roma, rapinatore seriale di bus e tram in Centro: preso il tunisino con il coltello che terrorizzava i passeggeri

I militari, appena 24 ore dopo, hanno registrato una seconda denuncia: questa volta è stata una donna a presentarsi al comando. Riferendo di aver subito un furto mentre era a bordo del tram 5, la linea che parte dalla stazione Termini e attraversa San Giovanni. E proprio alla fermata di viale Manzoni il rapinatore ha messo a segno il furto: approfittando di un momento di distrazione della signora, le ha strappato il cellulare dalle mani per poi scappare via proprio mentre si aprivano le porte del tram. 

Roma, sos sicurezza: da Trastevere a Testaccio piazze ostaggio delle risse

INDAGINI INCROCIATE

Sul caso hanno indagato i carabinieri della stazione di Piazza Dante con i colleghi del Prenestino. I militari hanno incrociato dati e descrizioni, hanno quindi proceduto con approfondite indagini. Dalle descrizioni e dalle immagini delle telecamere di video sorveglianza hanno individuato il fuggitivo. Hanno quindi ricostruito gli spostamenti disegnando una mappa fino a ieri, quando è stato trovato e arrestato. 

Una volta rintracciato, sono state le sue stesse vittime a riconoscerlo e a far scattare le manette. Durante le indagini sono inoltre emersi i precedenti dell’uomo che già in passato aveva messo a segno una lunga serie di rapine. Il caso per i carabinieri resta dunque aperto: nei prossimi giorni proseguiranno con i controlli incrociate sulle denunce delle ultime settimane. Il sospetto è infatti, è che abbia preso di mira anche altre linee di bus e metro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA