Emilio Fede, l'intervista: «Non sono un evaso, popolo è con me: un tenente non può decidere la mia vita»

Mercoledì 24 Giugno 2020 di Mario Ajello
Emilio Fede, l'intervista: «Non sono un evaso, il popolo è con me: un tenente non può decidere la mia vita»

Pronto, Emilio Fede?
«Lurido, pezzente, feccia della società!».
Pronto, pronto, Fede... Ma con chi stai parlando?
«Figlio di buona mamma, che ti possa prendere un accidente!».
Beh, ora esageri.
«Scusa, non ce l'avevo con te. Sull'altro telefonino mi chiamano sconosciuti e mi insultano, mi minacciano. Ma sono dei poveretti, isolati. L'opinione pubblica è con me e anche qui sotto all'albergo dove sono recluso, il Santa Lucia a Napoli, vista mare, mi...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 17:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA