Russia, il nuovo missile Sarmat alle forze nucleari: ora l'arsenale di Putin apre squarci inquietanti

Progettati per eludere le difese missilistiche avversarie grazie ad una fase di salita più breve, sono pensati per trasportare fino a 15 testate nucleari o 24 dispositivi d'inganno

Russia, il nuovo missile Sarmat alle forze nucleari: ora l'arsenale di Putin apre squarci inquietanti
Russia, il nuovo missile Sarmat alle forze nucleari: ora l'arsenale di Putin apre squarci inquietanti
3 Minuti di Lettura
Giovedì 3 Marzo 2022, 19:43 - Ultimo aggiornamento: 4 Marzo, 15:29

L'arsenale dell'esercito russo apre squarci inquietanti sul conflitto ucraino. Il capo dell'agenzia spaziale russa Roscosmos, Dmitry Rogozin, durante un talk show a Mosca ha annunciato che il nuovo missile balistico intercontinentale 'Sarmat' «entrerà a far parte delle forze nucleari strategiche della Russia» e «garantirà la sicurezza» del Paese «per i decenni a venire». A riportarlo è l'ente spaziale russo sul suo profilo Twitter. 

Un video postato su Twitter qualche gionro fa  dal corrispondente della Cnn Frederik Pleitgen, aveva testimoniato il viaggio verso il confine ucraino di camion militari russi che trasportavano Tos-1, sistemi montati su telai di carri armati T-72 in grado di lanciare missili equipaggiati con testate incendiarie e termobariche che allo scoppio creano una fortissima onda di pressione che dilania gli organi interni di chi è nelle vicinanze.

Guerra nucleare, gli Usa rimandano il test del missile Minuteman III: ecco perchéS

Sarmat, il nuovo missile russo 

Secondo quanto rileva Rsi, Radiotelevisione svizzera, Mosca dispone di missili di tutte le gamme tra i quali ora entreranno gli intercontinentali Sarmat (che per la Nato sono gli Ss-X-30 Satan 2), che hanno una portata di 18.000 chilometri. Progettati per eludere le difese missilistiche avversarie grazie ad una fase di salita più breve, i Satan 2 sono pensati per trasportare fino a 15 testate nucleari o 24 dispositivi d'inganno. Con un raggio d'azione di circa 18.000 km, il Sarmat, missile bistadio a propellente liquido del peso di oltre 200 tonnellate al lancio e con un carico utile di 10, è in grado di colpire qualsiasi punto del globo eludendo le difese (specie quelle Usa oggi in servizio), semplicemente ricorrendo ad una traiettoria che passi al di sopra del polo sud terrestre, zona non coperta da alcun apparato radar di «early warning» o sistema missilistico difensivo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA