Omicidio della piccola Angelica Pirtoli: la Cassazione conferma l'ergastolo per il killer

Mercoledì 9 Ottobre 2019
La piccola Angelica Pirtoli con la mamma Paola Rizzello
E' definitiva la condanna all'ergastolo per Biagio Toma, 51 anni, di Parabita, accusato del brutale omicidio di Paola Rizzello e della piccola Angelica Pirtoli, che all'epoca dei fatti - era il 1991 - aveva appena due anni e mezzo. La Corte di Cassazione ha infatti respinto il ricorso del legale di Toma, l'avvocato Walter Zappatore, mettendo così di fatto il sigillo a una vicenda cruenta e terribile. Il ricorso, che puntava a una assoluzione o quantomeno a un annullamento della condanna e un nuovo processo, si basava sulla presunta inattendibilità delle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, che aveva appunto indicato Toma quale esecutore materiale del delitto, insieme a Luigi De Matteis. Angelica Pirtoli, stando alle indagini e ai processi che si sono susseguiti, fu condotta in un casolare per essere ammazzata, poiché considerata inaffidabile dal clan Giannelli di Parabita. E perché la moglie del boss Luigi Giannelli, Anna De Matteis, era gelosa. Con la donna c’era la bimba. E rimase accanto al corpo della mamma per due ore, a piangere. Fino al ritorno dei sicari: afferrata dai piedi, fu sbattuta contro il muro. Ultimo aggiornamento: 21:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA