Medici e infermieri non vaccinati: prime 10 dieci sospensioni dal lavoro anche a Lecce. L'Asl va avanti: altri 200 nel mirino

Mercoledì 13 Ottobre 2021

Medici, infermieri e personale Asl non vaccinato: scattano le prime sospensioni dal lavoro anche in provincia di Lecce. Nelle scorse ore sono stati notificati 10 provvedimenti a operatori sanitari no vax del Salento "in linea" con decisioni simili in altre province pugliesi: si stratta di sospensioni temporanee a personale - non solo camici bianchi - che lavora tra ospedali, laboratori e uffici in tutto il territorio della provincia. Ma non solo: l'avviso di sospensione è stato "recapitato" tramite Pec dopo che gli stessi interessanti, nelle scorse settimane, erano stato convocati dai vertici dell'Asl Lecce per metterli a conoscenza del provvedimento a cui sarebbero andati incontro. Obiettivo: sensibilizzare sulla necessità di vaccinarsi per combattere il Covid.

 

Altre sospensioni in arrivo da Lecce al Sud Salento

 

Ma siamo solo all'inizio. Le sospensioni, infatti, potrebbero diventare presto molto più numerose: fino a qualche giorno fa la platea di personale Asl non vaccinato toccava le 200 unità circa: un numero effettivamente basso rispetto alle quasi 8mila unità di personale in tutto il Salento, ma pur sempre significativo. Gli uffici Asl preposti al controllo e all'istruttoria per la notifica delle sospensioni andranno avanti con le procedure anche nelle prossime settimane. L'iter, che riguarderà sempre l'intero territorio della provincia di Lecce, resterà lo stesso: prima la convocazione per un incontro e, poi, la notifica della sospensione dal lavoro. A meno che, anche dopo le prime sospensioni, il numero dei medici e infermieri no vax non cominci a calare. Tempo qualche giorno e si potrà fare, in questo senso, qualche riscontro 

Ultimo aggiornamento: 14 Ottobre, 14:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA