Roma, l'appello di Mirko: «Ho un autismo ma datemi fiducia: sono un barman esperto, voglio lavorare»

Lunedì 14 Giugno 2021 di Cristina Montagnaro

«Ho una passione: fare i caffè, li preparo buonissimi, datemi fiducia, vorrei lavorare». Sorride Mirko Costantini, 18 anni, ragazzo con un autismo. Abita ad Acilia e frequenta l’istituto alberghiero Elsa Morante, succursale di Tor Carbone: a scuola prepara cappuccino, caffè, e shakera cocktail. Nel suo percorso è seguito dalla Fondazione Roma Litorale e spera che questa sua passione si trasformi in un lavoro. Soprattutto in un momento in cui i bar tornano a lavorare e spesso non trovano personale. «Spero che, superato questo momento di incertezza legato al Covid, possa avere anche io la mia occasione. Vorrei lavorare come cameriere in una sala bar» confida Mirko. È un ragazzo tranquillo, sensibile, chi lo conosce lo definisce «un gran lavoratore». Ha la passione delle passeggiate, che fa insieme alla madre vicino casa, tra Malafede e le strade di Acilia. Dice Andrea Fontana, psicoterapeuta e responsabile dell’agenzia lavoro della fondazione Roma Litorale: «Certifichiamo per lui. I ragazzi con autismo possono essere inseriti e sono una risorsa, noi siamo pronti a supportare le aziende».

 

Roma, Michele Anzaldi e l'appello di Mirko, barman con l'autismo: «Banco di prova per i candidati sindaco, chi risponderà?»

 

LE PRIME DIFFICOLTÀ. «Abbiamo scoperto la sindrome di Mirko verso i tre anni – racconta la mamma, Silvia Pierini - non parlava più, piangeva per ore, camminava avanti e indietro. Abbiamo deciso di andare a Tor Vergata: la diagnosi è stata impietosa. Non ci potevo credere. Ci hanno indicato l’Anffas Ostia, oggi Fondazione Roma Litorale. Qui Mirko ha iniziato un percorso che ha dato i suoi frutti. È seguito da 15 anni. Si è specializzato in sala. Ha fatto degli stage. Speriamo, una volta superato questo momento difficile, che possa trovare un impiego. Sarebbe un modo per sentirsi importante, autonomo e integrato».

 

IL SOGNO. Mirko frequenta la scuola e in attesa della sua occasione ogni giovedì fa pratica nel laboratorio di sala dove insieme ai compagni, indossa il grembiule, riempie i bicchieri, prepara i panini e impara i canoni del ricevimento e del bon ton.

Ultimo aggiornamento: 16 Giugno, 16:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA