Luca Sacchi, un amico di Del Grosso: «Mi disse: non volevo ucciderlo, ho sparato verso il basso»

Lunedì 21 Settembre 2020
Luca Sacchi, un amico di Del Grosso: «Mi disse: non volevo ucciderlo, ho sparato verso il basso»
Omicidio Luca Sacchi, questa mattina un amico di infanzia di Valerio Del Grosso è stato sentito in aula come testimone nel processo davanti alla prima Corte d'Assise di Roma per il delitto avvenuto nella notte tra il 23 e il 24 ottobre scorso, quando Luca venne ucciso con un colpo di pistola alla testa davanti ad un pub nella zona di Colli Albani.
 
 

Leggi anche > Operaio uccide il figlio di 11 anni con la pistola e si toglie la vita 

«Ho incontrato Valerio Del Grosso il giorno dopo l'omicidio. Ci siamo visti a Tor Sapienza e mi ha detto che la sera prima aveva fatto una sciocchezza, che non pensava di averlo ucciso. Ha detto che non aveva mai avuto un'arma in mano prima e ha mimato il gesto di sparare verso il basso, verso il marciapiede», ha detto il testimone.



«La sera in cui ci siamo incontrati insieme ad altre persone aveva le lacrime agli occhi, stava male - ha aggiunto - non ce la faceva neanche a parlare, aveva paura a dirlo alla sua famiglia e fui io a dirlo a suo fratello. Io ho consigliato a Del Grosso di consegnarsi alle forze dell'ordine ma la paura lo ha frenato. So che in quel periodo aveva problemi con la ex compagna, era legatissimo al figlio, andava dallo psicologo e assumeva farmaci». 

A processo ci sono lo stesso Del Grosso e Paolo Pirino,  i due ventenni di San Basilio accusati di essere autori materiali dell'aggressione, Marcello De Propris, che consegnò l'arma del delitto, il padre di quest'ultimo, Armando, accusato della detenzione della pistola, e Anastasiya, coinvolta nella seconda tranche dell'inchiesta, per la violazione della legge sugli stupefacenti in relazione al tentativo di acquisto di 15 chili di droga.  © RIPRODUZIONE RISERVATA