Napoli choc, ambulanza soccorre due feriti e viene inseguita da un uomo armato

Napoli choc, ambulanza soccorre due feriti e viene inseguita da un uomo armato
Napoli choc, ambulanza soccorre due feriti e viene inseguita da un uomo armato
2 Minuti di Lettura
Domenica 20 Giugno 2021, 19:40

Choc a Napoli, dove la scorsa notte un'ambulanza che aveva soccorso due ragazzi feriti in una rissa è stata inseguita da un uomo armato di pistola. È accaduto poco dopo l'1.30, in zona piazza Quattro Giornate.

Leggi anche > Ercolano, donna esce in balcone e viene colpita da un proiettile vagante: via alle indagini

Un gesto gravissimo non solo per l'intimidazione ai danni del personale del 118, ma anche perché se fosse partito il colpo di pistola avrebbe messo a rischio l'intero equipaggio dell'ambulanza perché a bordo ci sono le bombole di ossigeno. A denunciare l'accaduto è stato Manuel Ruggiero, presidente dell'associazione Nessuno tocchi Ippocrate.

L'autista dell'ambulanza ha raccontato: «Siamo stati allertati stanotte intorno all'1.30 per persona a terra insanguinata a seguito di una rissa a piazza 4 Giornate. Non siamo riusciti ad arrivare sul posto poiché, fuori la caserma dei carabinieri, che dista poco da lì, c'erano due ragazzi feriti che chiedevano aiuto. Ci fermiamo e li facciamo salire a bordo quando, improvvisamente, il gruppo rivale arriva e cerca di salire sull'ambulanza. Avevano tutti delle mazze, tranne uno che dall'esterno ha puntato una pistola all'interno, attraverso il finestrino». Il tutto avveniva mentre gli aggressori colpivano il mezzo del 118 con calci e mazzate.

Leggi anche > Napoli, Giuseppa è la nonnina ultracentenaria: dalla Spagnola al Covid, 110 anni e non sentirli

«Dopo il furto di una ambulanza adesso l'ingresso di una pistola nel mezzo di soccorso…..bastava un solo proiettile per fare esplodere il mezzo visto la presenza all'interno di bombole di ossigeno gassoso. Questa città non merita il 118», dice sconfortato Ruggiero confessando che si ha «paura di andare a lavorare». Sulla vicenda indaga la polizia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA