Empoli, esplosione in una falegnameria, morto il titolare: Francesco aveva 68 anni

Martedì 9 Febbraio 2021
Esplosione in una falegnameria, morto il titolare: Francesco aveva 68 anni

Ancora morti sul lavoro in Toscana. Nella tarda mattinata di oggi un'esplosione, avvenuta all'interno di una falegnameria di Empoli (Firenze), ha ucciso il titolare e ferito un'altra persona, che si trovava nei pressi del laboratorio interno. La vittima, Francesco Santiccioli, aveva 68 anni.

 

Leggi anche > Ilenia Fabbri, uccisa a Faenza: gli inquirenti valutano anche l'ipotesi dell'omicidio su commissione

 

Empoli, esplosione nella falegnameria: morto il titolare

La tragedia è avvenuta intorno a mezzogiorno, in una falegnameria al civico 112 di via Pontorme, a Empoli. Sul posto sono intervenuti subito i vigili del fuoco e il personale del 118. Per il titolare, l'artigiano Francesco Santiccioli, non c'è stato nulla da fare. Un'altra persona, forse un cliente o un conoscente del 68enne, è invece rimasta lievemente ferita. Sul posto sono andati i carabinieri insieme all'Ispettorato del Lavoro dell'Asl Toscana Centro.

 

Empoli, l'esplosione causata da un compressore

Diversamente da quanto emerso in un primo momento, il figlio della vittima non era presente nel laboratorio ma è arrivato successivamente all'esplosione: giunto sul posto, ha accusato un lieve malore ed è stato curato lì dai sanitari del 118. I tecnici dell'Asl Toscana Centro, i quali hanno eseguito un sopralluogo con i carabinieri e il magistrato di turno, hanno verificato che è esploso un compressore.

 

Esplosione nella falegnameria, in Toscana cinque morti sul lavoro in dieci giorni

La tragedia della morte sul lavoro di Francesco Santiccioli torna a mettere in luce un dato assolutamente allarmante: nella sola regione della Toscana, si tratta della quinta 'morte bianca' dal 30 gennaio a oggi. I sindacati, dalla Cgil all'Ugl, sono furiosi per quella che definiscono «una strage silenziosa e continua» e chiedono maggior sicurezza sul lavoro per tutti, che siano dipendenti o autonomi. Anche la sindaca di Empoli, Brenda Barnini, dopo aver espresso cordoglio alla famiglia del 68enne, chiede maggiori tutele per i lavoratori: «Certe cose non dovrebbero mai avvenire e invece ne contiamo ancora. Non si può morire lavorando, la sicurezza sui luoghi di lavoro è un obiettivo ancora lontano, da coltivare con ogni mezzo ed ogni sforzo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA