Valerie, la studentessa ucraina con l'abito da ballo tra le macerie della scuola: pronta al diploma, poi sono arrivati i russi

La studentessa con l'abito da ballo tra le macerie

Valerie, la studentessa ucraina con l'abito da ballo tra le macerie della scuola: pronta al diploma, poi sono arrivati i russi
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 8 Giugno 2022, 10:11 - Ultimo aggiornamento: 9 Giugno, 17:46

Non ci saranno balli di fine anno e cerimonie di diploma per gli studenti delle città ucraine in guerra. Non ci sono più neanche le loro scuole, ridotte in macerie dai bombardamenti russi. Quello che resta, è la determinazione con cui i più giovani si aggrappano alla resistenza di fronte a quelle stesse macerie, e ne fanno un simbolo. Come Valerie, 16 anni, studentessa di Kharkiv. La sua foto sta rimbalzando sui social, postata per la prima volta da un account localizzato in Canada da quella che dice di essere sua zia. È difficile verificare in maniera indipendente se la storia raccontata su Facebook e Twitter da Anna Episheva sia vera, ma lo è certamente l'impatto emotivo che provoca.

Guerra in Ucraina diretta, il rabbino capo di Mosca fugge nella notte: in disaccordo con Putin. Severodonetsk, distrutto ospedale con la croce rossa

La ragazza posa in un lungo abito rosso, truccata e acconciata a festa, davanti a delle macerie che dovrebbero essere proprio quelle della Scuola 134 in cui ha studiato fino allo scorso febbraio. La zia scrive, postando l'immagine: «Mia nipote avrebbe dovuto diplomarsi quest'anno alla scuola superiore. Lei e i suoi amici hanno pianificato l'evento di laurea, hanno comprato vestiti e non vedevano l'ora che arrivasse il grande giorno...Poi sono arrivati i russi. La sua scuola è stata direttamente colpita e distrutta il 27 febbraio 2022. Oggi è tornata a quello che resta della sua scuola e ai suoi piani per il diploma. Grazie, mia cara Valerie, per essere forte e coraggiosa, sono così orgogliosa di te e ti voglio tanto bene».

E Valerie non è sola. Da Facebook a Twitter rimbalza la determinazione dei liceali di Kharkiv che alle loro danze di fine anno non hanno voluto rinunciare, sebbene siano diventate un modo per denunciare la guerra, mostrarne la distruzione e rispondere con la speranza: e allora fra quello che resta dell'edificio scolastico 10 diplomati ballano un valzer, nella loro specialissima cerimonia che avrebbe dovuto segnare un gioioso momento di passaggio, davanti ai genitori orgogliosi e commossi in questa circostanza per più di una ragione, naturalmente filmata e postata su Twitter.

© RIPRODUZIONE RISERVATA