Il cane in fuga manda in tilt l'aeroporto: tutto bloccato, gli aerei restano a terra per un'ora

Giovedì 8 Ottobre 2020
Il cane in fuga manda in tilt l'aeroporto: tutto bloccato, gli aerei restano a terra per un'ora

Un cane in fuga ha paralizzato un intero aeroporto e si è sfiorata la tragedia. Crystal, questo il nome di una femmina di podenco spagnolo di colore bianco, era riuscita a scappare da una gabbia, invadendo una delle piste e costringendo il personale ad una lunga caccia, conclusasi fortunatamente senza conseguenze.

Leggi anche > La coppia adotta 16 cuccioli, ma i cani spariscono: l'agghiacciante scoperta dei volontari animalisti

 


È accaduto tre giorni fa all'aeroporto internazionale di Toronto, lo scalo più grande del Canada: lo riporta anche l'Independent. Il cane si trovava in una gabbia all'interno di un volo appena atterrato dalla Spagna e doveva essere affidato alle cure di un'associazione animalista canadese che si sarebbe poi occupata della sua adozione. Probabilmente, la gabbia non era chiusa bene e questo ha permesso la fuga di Crystal, che ha iniziato a correre all'impazzata lungo una pista, costringendo il personale di sicurezza a chiudere l'aeroporto. Beverley Farmer, volontaria dell'associazione Podenco Friends, ha spiegato che si è sfiorata la tragedia: «Proprio in quel momento c'era un aereo in fase di atterraggio, per fortuna i piloti se ne sono accorti e hanno ripreso quota. Poteva accadere una catastrofe».


La lunga caccia al cane ha costretto la chiusura dell'aeroporto per circa un'ora, durante la quale tutti i voli sono rimasti a terra. Alla fine, Crystal è stata individuata e fermata dopo qualche ora: il cane si era allontanato dalla zona dell'aeroporto ed aveva riportato anche leggere ferite nella fuga, ma sta bene. «Niente di grave, si riprenderà in fretta e non ha sofferto. Anzi, quando l'abbiamo trovata dormiva beatamente sotto un camion, dove aveva trovato riparo dalla pioggia» - spiegano i volontari animalisti - «Tipico dei podenco: ha corso tanto e velocemente, ma la sua unica reazione è stata una smorfia che sembrava dire "Cos'è tutto questo caos? Datemi da mangiare". Ringraziamo lo staff dell'aeroporto, sono stati efficienti e professionali».

 



 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA