Parto in casa: così è nato Enea. Il piccolo e la mamma stanno bene

Parto in casa: così è nato Enea. Il piccolo e la mamma stanno bene
di Cristina SCARASCIULLO
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 26 Ottobre 2022, 19:31 - Ultimo aggiornamento: 27 Ottobre, 14:53

Nel 2022 si nasce ancora in casa. È quello che è successo a una mamma di San Ferdinando di Puglia questa settimana: non c’è stato abbastanza tempo per raggiungere l’ospedale più vicino – che sarebbe stato o il “Dimiccoli” di Barletta o "Tatarella" di Cerignola – e quindi il parto si è svolto tra le mura di casa.
Enea, questo il nome scelto per il bambino, è il primo nato a San Ferdinando dopo oltre quarant’anni. Il piccolo sta bene, così come la mamma, ed entrambi sono subito stati trasportati in ospedale dove sono stati effettuati tutti gli accertamenti del caso e prestate le cure necessarie alla partoriente e al neonato.

Non è un caso isolato

Sembra però che non si tratti di un caso isolato: prima di Enea in Puglia altri tre bambini non sono nati in ospedale – solo nel mese di ottobre – a Conversano, Polignano e Locorotondo, ma a casa. Una pratica “romantica” e certamente più sicura rispetto al passato, anche perché oggi ci sono equipe di ostetriche che seguono i casi con estrema attenzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA