Partorisce e muore a 28 anni: tragedia in ospedale dopo il cesareo. La neonata sta bene

Partorisce e muore a 28 anni: tragedia in ospedale dopo il cesareo. La neonata sta bene
3 Minuti di Lettura
Martedì 30 Agosto 2022, 12:42 - Ultimo aggiornamento: 31 Agosto, 12:22

Una donna di 28 anni è morta in ospedale a Taranto dopo aver dato alla luce la sua bimba. Il dramma si è verificato ieri nel nonoscomio Santissima Annunziata del capoluogo jonico. A dare notizia della drammatica vicenda la stessa Asl con una nota stampa.  La vittima, alla 40esima settimana di gestazione della sua prima gravidanza, è stata ricoverata al SS. Annunziata per rottura prematura delle membrane ed è stata sottoposta a taglio cesareo. Dopo il parto, purtroppo, è deceduta. La bimba è in buone condizioni: alla nascita pesava 2.580 grammi ed è attualmente seguita dal personale dell'Unità Operativa di Neonatologia del nosocomio tarantino.  Sul dramma indaga la Procura che ha disposto l'acquisizione delle cartelle cliniche.

L'intervento

"Dopo l’intervento - scrivono dalla Asl - le verifiche routinarie post operatorie hanno rivelato una riduzione dell’emoglobina, compatibile con l’intervento chirurgico. Dopo un breve intervallo, è stato programmato un ulteriore controllo che ha evidenziato un'emorragia". Il personale sanitario ha immediatamente attivato tutte le procedure necessarie, ma la giovane è andata in arresto cardiaco. "È stata posta in atto - spiegano dalla Asl - ogni procedura prevista dal protocollo ed è stato eseguito un intervento chirurgico d’emergenza ma, purtroppo, per la donna non c’è stato nulla da fare".

Il cordoglio

La Direzione della Asl di Taranto, il primario e il reparto hanno espresso il proprio cordoglio "per la perdita di questa giovane donna, nel giorno - si legge nella nota -che avrebbe dovuto essere uno dei più gioiosi della sua vita. Alla sua famiglia e ai suoi cari vanno le più sentite condoglianze". La neonata, che alla nascita pesava due chili e mezzo, è in buone condizioni di salute ed è attualmente seguita dal personale dell’Unità Operativa di Neonatologia del nosocomio tarantino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA