Sicurezza nelle scuole: contro i vandali il Comune installa le telecamere di ultima generazione

Sicurezza nelle scuole: contro i vandali il Comune installa le telecamere di ultima generazione
di Samantha DELL'EDERA
4 Minuti di Lettura
Sabato 8 Ottobre 2022, 21:04

Il Comune di Bari “blinda” le scuole con sistemi avanzati di videosorveglianza per garantire più sicurezza a studenti, docenti e personale Ata e per tutelare le strutture dagli atti di vandalismo. È pronta la procedura di gara per l’affidamento dell’accordo quadro da 735mila euro per dotare gli istituti della città (dalle scuole dell’infanzia alle secondarie di primo grado) di telecamere di ultima generazione.

Il Comune non ha ancora stabilito quali saranno i 23 istituti interessati dai lavori, saranno valutate anche le indicazioni delle forze dell’ordine.

La determina

«Nell’ottica di garantire la sicurezza della città – si legge nella determina dirigenziale che dà il via libera alla procedura di gara - sono state individuate alcune aree di recentissima riqualificazione urbana a rischio di un rapido degrado se non adeguatamente presidiate. In tale ottica risulta necessario ampliare la dotazione dei sistemi di videosorveglianza di tutte le scuole ed edifici pubblici, installandone anche di nuovi sulle strutture attualmente sprovviste, che, per ubicazione o per funzioni svolte, possono essere soggette ad atti criminosi verso le cose e le persone».

Ulteriore elemento qualificante sarà la presenza di una connessione ad alta affidabilità con prestazioni idonee al trasferimento dei segnali video verso la centrale operativa della polizia locale. La realizzazione di un nuovo impianto di videosorveglianza per ogni scuola verrà effettuata secondo due configurazioni tipo che terranno conto delle dimensioni delle aree esterne da controllare nonché della copertura delle aree di interesse: un impianto di videosorveglianza dotato di 4 telecamere da esterno interconnesse con server di registrazione dati e un impianto di videosorveglianza dotato di 8 telecamere da esterno interconnesse con server di registrazione dati. In caso di necessità, le immagini archiviate potranno essere messe a disposizione degli inquirenti per le fasi di indagini. Il Comune sta puntando molto sull’implementazione delle telecamere in città, non solo a presidio delle scuole ma anche per uffici pubblici e per strada.

Da 78 si è passati ad oltre 700 telecamere in dieci anni. Gli ultimi finanziamenti da 4 milioni e 500 mila euro permetteranno di garantire la manutenzione degli attuali impianti e di favorirne l’implementazione in luoghi pubblici attualmente sprovvisti e particolarmente vissuti dai cittadini.

Vandali sotto osservazione

Grazie alle telecamere ad esempio si è riusciti ad individuare vandali che hanno distrutto canestri, giochi per bambini, che hanno bruciato bidoni dell’immondizia. Tra gli esempi quello dell’atto vandalico che si ripeteva al Largo Due giugno nel campetto da basket: qualcuno sistematicamente rompeva i canestri. Dopo l’installazione delle telecamere non è più accaduto. Gli occhi elettronici attivi 24 ore su 24 hanno permesso di individuare anche i responsabili di reati più grandi, come è accaduto per l’incidente in via Napoli in cui perse la vita il 35enne Onofrio Ricupero, padre di due bimbi. Visionando i filmati la polizia locale scoprì che l’uomo con la sua auto era stato travolto da un altro veicolo durante una gara di velocità clandestina. Il sistema scelto dal Comune è all’avanguardia perché permette di essere implementato con ulteriori programmi come la decodifica delle targhe, in corrispondenza degli incroci (per esempio per individuare auto rubate in maniera automatica) oppure il riconoscimento di un movimento improvviso delle persone o di colpi di arma da fuoco. Da segnalare inoltre che Bari è una delle prime realtà europee con un sistema capillare di unità di ripresa in tecnologia 4K che consente una maggiore qualità dell’immagine e quindi di zoommare sui dettagli di un eventuale episodio criminoso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA