Luisa Torsi vince la Wilhelm Exner Medal a Vienna: «Fu premiato così anche Marconi, è un onore»

Martedì 24 Maggio 2022 di Anna Manuela VINCENTI

Luisa Torsi, docente ordinaria di Chimica dell’Università degli studi di Bari Aldo Moro e vice presidente del Consiglio scientifico del Consiglio nazionale delle ricerche, è stata premiata a Vienna grazie al “Single Molecule digital assay”, un sistema bioelettronico rivoluzionario che in pochissimo tempo è in grado di rilevare un singolo marcatore proteico o un virus in un campione di sangue o di saliva. Uno strumento di medicina predittiva che consente di diagnosticare con larghissimo anticipo l’insorgere di patologie gravi – tumori, malattie cardiovascolari, malattie neurodegenerative, infezioni virali o batteriche – senza l’ausilio di tecnologie invasive. La Wilhelm Exner Medal viene assegnata a scienziati e ricercatori che hanno avuto un impatto diretto sul mondo degli affari dell'industria attraverso i loro risultati e contributi scientifici ed è stata assegnata negli anni anche a 23 premi Nobel e a solo due donne.
Gli eventi relativi all'assegnazione delle medaglie Wilhelm Exner nel 2020 e ora nel 2021 sono stati a maggio 2022, a causa della pandemia di covid e si sono svolti pochi giorni fa.
Nata nel 1921, l'Associazione austriaca dell'artigianato e del commercio omaggia e celebra gli scienziati, le cui scoperte hanno portato o avviato importanti applicazioni nei settori del commercio e dell'industria, con la medaglia Wilhelm Exner.

La cerimonia

Le medaglie Wilhelm Exner sono state assegnate dal ministro federale Leonore Gewessler in una cerimonia di premiazione al Palais Eschenbach.
A Vienna era presente anche il presidente della Regione Puglia, insieme alla direttrice del Dipartimento Sviluppo Economico regionale, Gianna Elisa Berlingerio, al dirigente della Sezione Ricerca e Relazioni Internazionali e della Sezione Trasformazione Digital, Vito Bavaro e ai ricercatori delle Università degli Studi di Bari e di Brescia.
«Il premio Wilhelm Exner per Luisa Torsi è un grande orgoglio per la Puglia - ha detto il presidente Michele Emiliano - immaginate che questo premio in passato è stato attribuito ad un altro italiano, a Guglielmo Marconi, un riconoscimento che potrebbe portare anche a qualche altra meravigliosa sorpresa per la ricerca italiana. Ho voluto accompagnare Luisa a Vienna per incoraggiarla, perché questa scoperta ha potenziali ricadute sulla salute delle persone di enorme importanza. Una vera rivoluzione. La Regione Puglia stava già investendo nel biopolo di Lecce; questi ulteriori passi ci hanno spinto ad investire ulteriormente nella ricerca e a sostenere il progetto di Luisa Torsi».
«Sono profondamente onorata e super felice, - ha detto la professoressa Luisa Torsi - veramente è un momento che mi ha emozionato profondamente. Questo è un premio importante, l’ha ricevuto Guglielmo Marconi, l’hanno ricevuto i premi Nobel ed io non pensavo mai di riuscire ad arrivare fin qui».

Ultimo aggiornamento: 17:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA