Contrabbando, 28 arresti in tutta Italia. Fermati anche a Lecce e Bari

Contrabbando, 28 arresti in tutta Italia. Fermati anche a Lecce e Bari
1 Minuto di Lettura
Martedì 28 Giugno 2022, 10:08 - Ultimo aggiornamento: 29 Giugno, 13:58

Ci sono anche persone di Bari e Lecce tra i 28 arrestati nell'ambito dell'operazione «Melita», condotta dalle prime luci dell'alba di oggi da oltre cento militari delle Fiamme Gialle del Trentino con arresti e perquisizioni su tutto il territorio nazionale. Fra questi, 5 indagati sono stati anche segnalati quali indebiti richiedenti e percettori del reddito di cittadinanza. E' stata segnalata all'autorità giudiziara trentina la posizione di 115 soggetti (di nazionalità italiana, rumena, moldava, ucraina greca, maltese), fra i quali i 28 odierni arrestati. I finanzieri trentini hanno anche ricostruito l'ammontare dei tributi evasi (accise, diritti doganali e altre imposte dovute) pari a 27.268.161,36 euro nonché l'avvenuta immissione in consumo di ulteriori 160 tonnellate di t.l.e. (prodotti energetici) e di oltre 16 milioni di litri di prodotti alcolici.

Alcol, sigarette e carburante

Gli arrestati dovranno rispondere a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata al contrabbando di tabacchi lavorati esteri, sottrazione all'accertamento o al pagamento dell'accisa sui prodotti energetici e sulle bevande alcoliche, il tutto con l'aggravante del reato transnazionale. Venti delle persone indagate sono state fermate Bari, Roma, Trieste, Latina, Napoli, Campobasso, Caserta, Perugia, Lecce, La Spezia, Massa Carrara, Isernia, Alessandria, Treviso e Venezia, mentre le restanti 8 all'estero (Croazia, Belgio, Moldavia, Inghilterra, Germania e Bulgaria), destinatarie di mandato di arresto europeo e mandato di cattura internazionale.

Gli arrestati pugliesi sono Lucia Sedicina, di Bari; Pasquale Loconsole, di Palese; Massimiliano Chetta, di Taviano; Antonio Puteo, di Ostuni. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA