Bosch, l'accordo è definitivo: scongiurati 700 esuberi

Lo stabilimento Bosch di Bari
Lo stabilimento Bosch di Bari
2 Minuti di Lettura
Martedì 26 Luglio 2022, 18:54

I lavoratori Bosch di Bari hanno dato il via libera all'intesa raggiunta nei giorni scorsi a Roma tra azienda, sindacati, Mise e Regione Puglia sul futuro dello stabilimento barese, che scongiura esuberi e impegna la società sulla strada della transizione all'elettrico. L'ok dei lavoratori rende operativo l'accordo e i sindacati stanno procedendo alla firma ufficiale.

Niente licenziamenti per i prossimi 5 anni 

«L'intesa - si legge in una nota di Fim Fiom Uilm UglM - scongiura il pericolo scaturito dalla dichiarazione aziendale di 700 esuberi e anzi contiene un impegno per il prossimo quinquennio a non chiudere e a non licenziare, ma a ricorrere solo ad ammortizzatori sociali conservativi e a uscite volontarie e incentivate. C'è anche l'impegno a procedere sulla strada della diversificazione industriale, resa necessaria per avviare la transizione tecnologica nell'ambito della sostituzione motore endotermico con quello elettrico. Attualmente infatti l'80% della produzione è difatti ancora incentrata sul diesel». «A Bari come in gran parte del settore automotive - spiegano Gianluca Ficco e Riccardo Falcetta, segretari nazionale e di Bari della Uilm - dobbiamo affrontare la difficile sfida della transizione all'elettrico, una sfida che ha bisogno di un impegno straordinario delle istituzioni. A Governo e Regione chiediamo di aiutarci a superare i limiti del jobs act in tema di ammortizzatori sociali. Inoltre chiediamo il supporto pubblico ai processi di riconversione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA