Adescava ragazzine in chat: condannato a 8 anni

Adescava ragazzine in chat: condannato a 8 anni
Il gup del Tribunale di Bari Francesco Mattiace ha condannato alla pena di 8 anni e 8 mesi di reclusione e al pagamento di 40 mila euro di multa il 41enne di Modugno (Bari) Michele Lambresa, accusato di detenzione e divulgazione di materiale pedopornografico, adescamento, corruzione di minori e violenza sessuale.
Stando alle indagini coordinate dal pm Simona Filoni, Lambresa avrebbe inviato a decine di minorenni video nei quali si spogliava e compiva atti di autoerotismo, si spacciava sui social network, grazie a falsi profili, per un loro coetaneo adolescente e, senza mai mostrare il volto, convinceva in alcuni casi le vittime, quindici quelle identificate, a inviargli loro foto intime. In un caso avrebbe fisicamente abusato di una 14enne. La sentenza è stata emessa al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato. La condanna di oggi si somma a quella di 8 anni e 8 mesi inflitta all'uomo un anno fa per abusi su altre otto minorenni. Proprio da quella indagine e dall'esito degli accertamenti tecnici svolti sul materiale sequestrato, gli inquirenti h I fatti contestati risalgono alla primavera del 2015. L'esame di oltre 180 mila messaggi sms, chat Whatsapp e su Messenger hanno consentito di accertare che l'uomo utilizzava falsi account e, fingendosi un adolescente di bell'aspetto, contattava le ragazzine sui social network con l'intento di instaurare rapporti affettivi e fiduciari, finendo per inviare loro filmati audio/video autoprodotti di natura sessuale. Aveva creato differenti identità, quella di «Francesco Bho», ragazzo innamorato e protettivo, e «Miki Lam», uomo cattivo e aggressivo. «Con una sorta di cinico gioco al rimbalzo di personalità, - si legge negli atti - entrava in contatto con le ragazzine, riuscendo a ottenerne l'incondizionata fiducia»
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 14 Novembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 19:50