Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Palermo, troupe de Le Iene aggredita dal fidanzato di una ragazza intervistata: operatore in ospedale

Palermo, troupe de Le Iene aggredita dal fidanzato di una ragazza intervistata: operatore in ospedale
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 3 Aprile 2019, 18:03 - Ultimo aggiornamento: 18:11
Ismaele La Vardera e l'autore e operatore Massimo Cappello de Le Iene sono stati aggrediti la notte scorsa a Palermo dal fidanzato di una ragazza che era stata intervistata per un servizio sulla morte di Aldo Naro, ucciso in una discoteca. Cappello è stato portato in ospedale per accertamenti. Tra le persone che sono andate a intervistare - dice una nota del programma - c'è una ragazza, che lavora in un teatro cittadino.

Le Iene contro Selvaggia Lucarelli, lei replica: «Siete il punto più basso del giornalismo»
Le Iene denuncia multopoli a Roma: 16 milioni di cartelle cancellate a vip e politici

«All'uscita del teatro - dice La Vardera - ci ha raggiunto il fidanzato della ragazza. L'uomo all'inizio si è avvicinato alla telecamera e ci ha minacciato verbalmente e poi all'improvviso si è scagliato con violenza sull'operatore, che è dovuto andare in ospedale per accertamenti». «Per la morte di Aldo Naro, un giovane per bene e dalla faccia pulita è stata condannata una persona ma non c'è ancora assoluta chiarezza su ciò che è successo - aggiunge La Vardera - Da oltre un mese e mezzo stiamo cercando di ricostruire la vicenda. Noi non abbiamo nessuna intenzione di fermarci e anzi andremo avanti con maggiore fermezza nel tentativo di chiarire le cause e le responsabilità per la morte di Aldo e presenteremo anche denuncia per questa aggressione, anche per tentata rapina perché chi ci ha aggredito voleva portare via la telecamera con il girato». 


IL VIDEO DELL'AGGRESSIONE
© RIPRODUZIONE RISERVATA