Riccardo Fogli: «Avevo promesso a mia madre che mi sarei diplomato e a 59 anni ce l'ho fatta»

Il cantante si racconta tra vita privata e progetti futuri

Riccardo Fogli
Riccardo Fogli
3 Minuti di Lettura
Lunedì 13 Giugno 2022, 18:13 - Ultimo aggiornamento: 18:32

Momento verità per Riccardo Fogli. Ospite ai microfoni di “Trends&Celebrities” su Rtl 102.5 News, il cantante ha parlato dei suoi figli, ma anche di una promessa speciale fatta alla madre e dei suoi nuovi progetti di carriera.

Leggi anche > Roby Facchinetti e Riccardo Fogli in imbarazzo a Domenica In dopo le parole di Red Canzian: «I Pooh non esistono più»

Riccardo Fogli: «Avevo promesso a mia madre che mi sarei diplomato e a 59 anni ce l'ho fatta»

«Io ho studiato poco, perché a 14 anni sono andato a lavorare – racconta Riccardo Fogli, che giovanissimo ha abbandonato gli studi per imparare un mestiere –. Studiavo il legno, il ferro, raspavo e limavo». «Mia madre disse che era dispiaciuta di non avermi fatto studiare e fatto diventare ragioniere – prosegue l'artista –. Allora io le ho promesso che mi sarei diplomato per lei e a 59 anni ce l’ho fatta, dopo avere frequentato una scuola serale».

La madre non è la sola donna della sua vita a cui Riccardo Fogli ha fatto una promessa. Come ha simpaticamente raccontato a Francesco Fredella e Alessandra Vatta, il cantante ha mantenuto un patto con la figlia minore Michelle, avuta dalla modella romana Karin Trentini, che a luglio compirà 10 anni e a cui Fogli ha voluto dedicare una canzone.

«‘Ma tu hai scritto una canzone per la mamma, poi ne hai scritta una per il Dado (l’altro figlio di Fogli, Alessandro Sigfrido, ndr)… Ma a me una canzoncina quando la scrivi?’» le ha chiesto la piccola. «E io immediatamente gliene ho preparata una».

In merito ai suoi progetti futuri e a una sua possibile partecipazione al Festival di Sanremo 2023, Riccardo Fogli preferisce invece non sbilanciarsi: «Non so se in quel periodo avrò da fare… Dovrò tagliare la legna per l’inverno…» scherza. Eppure sui giovani ha le idee molto chiare: basta pregiudizi, bisogna «fare di tutto per comprenderli». Perché «nella Generazione Z ci sono dei talenti». E chissà che non vorrà collaborare con uno di loro nel prossimo futuro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA