Bollettino Covid, Costa a Speranza: «Numero contagi inutile, bisogna soffermarsi sui ricoveri»

«Oggi l'obiettivo è ridurre la pressione sugli ospedali e fare in modo che questi possano garantire tutte le cure anche ai pazienti non Covid»

Bollettino Covid, Costa a Speranza: «Numero contagi inutile, bisogna soffermarsi sui ricoveri»
Bollettino Covid, Costa a Speranza: «Numero contagi inutile, bisogna soffermarsi sui ricoveri»
2 Minuti di Lettura
Martedì 11 Gennaio 2022, 13:49 - Ultimo aggiornamento: 13:59

«Il bollettino giornaliero col numero di contagi Covid è inutile». Lo ha detto il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, che ha spiegato il perché il dato sul numero di infetti fornito tutti i giorni dal ministero sia irrilevamente ai fini del monitoraggio della situazione pandemica. «Condivido la posizione di Matteo Bassetti circa l'inutilità di un report giornaliero dei contagi, perchè il numero dei contagi di per sé non dice nulla - le sue parole -. Da parte mia ho proposto anche al ministro della Salute di fare una riflessione sull'attuale sistema di report e la mia posizione è condivisa dal mio partito Noi con l'Italia. Mi auguro che possa diventare maggioritaria all'interno della maggioranza».

Costa, bollettino Covid inutile

Il sottosegretario Costa ha spiegato come nella situazione attuale il dato da monitorare sia quello delle «ospedalizzazioni e occupazione delle terapie intensive». Questo perché «oggi l'obiettivo è ridurre la pressione sugli ospedali e fare in modo che questi possano garantire tutte le cure anche ai pazienti non Covid».

 

Il fatto, chiarisce Costa, è che «il fine è ormai la convivenza con il virus SasrSCoV2 ed è chiaro che la convivenza evidenzierà sempre un certo numero di contagiati, ma la cosa davvero importante è che i casi rilevati non determinino pressione eccessiva sugli ospedali». D'altronde, conclude, «in una fase endemica dell'epidemia di Covid, i contagi giornalieri non li comunicheremmo comunque più perchè non avrebbe senso, e non ha senso comunicarli neanche oggi poichè il numero dei contagi di per sè non dice nulla».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA