Russia e Cina alleate fino a quando? Pechino (preoccupata dalle sanzioni) chiede subito il cessate il fuoco

Xi Jinping lotta con Mosca nella partita anti-Usa, ma teme le sanzioni che potrebbero aumentare per il conflitto

Russia e Cina alleate, ma fino a quando? Putin mette in pericolo l'asse. Pechino: «Subito cessate il fuoco in Ucraina»
Russia e Cina alleate, ma fino a quando? Putin mette in pericolo l'asse. Pechino: «Subito cessate il fuoco in Ucraina»
4 Minuti di Lettura
Giovedì 10 Marzo 2022, 18:21 - Ultimo aggiornamento: 20:16

Quanto durerà la pazienza della Cina con la Russia sulla guerra in Ucraina? Anche oggi un'alta carica di Pechino ha chiesto lo stop al conflitto. Una pratica che si sta ripetendo quasi all'ordine del giorno. «Vogliamo vedere un cessate il fuoco anticipato e una fine delle ostilità, questo è anche il desiderio generale della comunità internazionale», le parole del ministro degli Esteri cinese Wang Yi.

Lo ha detto al suo omologo francese, nel corso di una videoconferenza istituzionale. Un dettaglio non da poco, che ribadisce quanto siano importanti i rapporti economici con l'Europa per la Cina. Pochi giorni fa il governo cinese ha confermato che l'alleanza con la Russia è ancora solida. Ma Xi Jinping sta guardando con grande apprensione alle sanzioni comminate dall'Occidente e continua a tenere una posizione controversa nella partita geopolitica. 

Guerra, MiG polacchi all'Ucraina: ecco perché gli Stati Uniti hanno detto di no

Il doppio gioco della Cina (che si professa neutrale): per la tv di Stato è Putin la vittima e gli Usa minacciano Mosca con armi biologiche

Cina: le sanzioni preoccupano Xi

La Cina aveva provato a restare neutrale nel conflitto tra Russia e Ucraina, con Xi Jinping che ha "ballato il tip tap" tra Mosca e Occidente per non schierarsi apertamente da una parte, o dall'altra. L'escalation della guerra in Ucraina ha però esposto inevitabilmente tutti gli alleati a dover prendere una posizione chiara. Mosca e Pechino sono sulla stessa barca anti-Usa, ma ognuno nei fatti tira l'acqua al suo mulino e i loro futuri non sono così convergenti come si potrebbe pensare. 

«Perseguiremo qualsiasi azienda, ovunque si trovi, in Cina o altrove, che violi le regole. Quindi la nostra aspettativa è che la Cina non violi le regole e, se lo farà, ci saranno delle conseguenze», ha detto il segretario al commercio Usa, Gina Raimondo. Parole che sono arrivate forte e chiaro a Pechino. E va segnalato che due delle più grandi banche commerciali cinesi, Bank of China e Icbc, nelle scorse settimane abbiano limitato i finanziamenti o gli acquisti di materie prime russe.

Il rischio per Putin è che Xi si renda conto, durante questa campagna militare, che l'alleanza con la Russia non sia questo grande affare per la Cina. E l'ultima cosa che vorrebbero a Pechino, è essere trascinati in un conflitto mondiale con l'Occidente. Anche solo riguardante l'economia. La Cina, che predica il principio della "non interferenza" negli affari degli altri stati, è troppo integrata nell'economia globale per rischiare di essere sanzionata a sua volta. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA