Delli Noci lascia il Comune «Ma lavorerò per la città» Giunta, le nuove deleghe

Sabato 14 Novembre 2020 di Francesca SOZZO

«Vado, con la mia Lecce e il Salento nel cuore». Delli Noci «solo fisicamente» Palazzo Carafa. La sua elezione a consigliere regionale impone - per incompatibilità - le dimissioni da assessore e vice sindaco a Lecce. E questa mattina, il sindaco Carlo Salvemini terrà una conferenza sull'assetto del governo cittadino post Delli Noci. Le sue deleghe e il suo incarico infatti saranno redistribuite. In mattinata dovrebbe esserci la firma degli assessori e del nuovo vice sindaco.
«Ho rassegnato le dimissioni», scrive su facebook Delli Noci, e lo fa con una lettera in cui riassume la «gratitudine verso i miei concittadini per la loro fiducia e per ringraziare Carlo perché insieme, con stima e affetto reciproci, abbiamo percorso la stessa strada con il solo obiettivo di offrire alla nostra Lecce una nuova alternativa di governo, finalizzata a migliorare la qualità della vita dei nostri concittadini e a soddisfare i bisogni dell'intera comunità». «Lascio questa amministrazione», prosegue ma «continuerò ad esserci sempre, in un confronto politico costante tra enti che devono dialogare tra loro per garantire quella crescita sociale, economica e culturale che Lecce e il Salento meritano».
Poi i ringraziamenti a tutti, all'intero Consiglio Comunale, ai dipendenti e a quelli delle società partecipate: «Lascio questa Amministrazione comunale in buone mani, quelle del sindaco Salvemini, della giunta e dei consiglieri - ha aggiunto - una squadra politica forte, competente e capace di dare molto, soprattutto in questo momento difficile per il Paese. Una squadra supportata da movimenti politici civici nati durante questa esperienza e sempre pronti a stimolare, proporre, incoraggiare».
Immediata la risposta del sindaco Carlo Salvemini: «Una lettera che è un condensato di emozioni. E che conserverò tra i ricordi preziosi di questa esperienza - ha detto - Alessandro non è un assessore facile da sostituire, non c'è dubbio che non averlo a Palazzo Carafa imporrà a tutti noi più impegno, studio, abnegazione. Vederlo all'opera in questi anni ha confermato in me la consapevolezza del suo valore umano e professionale - ha aggiunto il primo cittadino - , oltre che delle sue capacità di porsi come riferimento politico per gli altri. Sono qualità indiscutibili che lo porteranno verso traguardi ed esperienze sempre più importanti».
«Aver riacceso la voglia di partecipare e di essere protagonisti da parte dei cittadini è il più importante risultato politico raggiunto in questi anni, ed è ciò che unisce le nostre esperienze e le esperienze dei tanti che sono al nostro fianco al governo della città di Lecce. Buon lavoro Alessandro, buon lavoro a tutti noi», conclude Salvemini.
Intanto proprio questa mattina, il sindaco potrebbe far firmare i provvedimenti di incarico ad assessori e vice sindaco. Salvo sorprese dell'ultima ora, come anticipato da Quotidiano, l'incarico di vice sindaco dovrebbe andare all'assessore alla Polizia Municipale Sergio Signore rappresentante del Partito Democratico. Quanto alle deleghe di Delli Noci invece saranno spacchettate. Sarà l'attuale assessore ai Tributi Christian Gnoni (eletto nella lista che ha capo a Delli Noci Coscienza Civica-Ideazione) ad ereditare la delega al Personale e all'Innovazione Tecnologica. Sarà invece Marco Nuzzaci, attuale capogruppo di Noi per Lecce (lista Delli Noci-Stefanazzi) ad entrare per la prima volta in giunta a Palazzo Carafa. Per lui le deleghe ai Lavori Pubblici, Programmazione strategica, Agenda digitale, Europa e Cooperazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA