I ladri fanno gol a casa Correa: svaligiata la villa sulla Cassia. Ira social del calciatore

Lunedì 26 Ottobre 2020 di Emilio Orlando

“A quel codardo che è venuto a rubarmi in casa mentre ero alla partita. Entra e ruba quando sono dentro...ti aspetto”. È lo sfogo sui social del calciatore argentino Joaqin Correa che sabato sera, al rientro a casa dopo la partita Lazio-Bologna ha trovato una brutta sorpresa. Una banda di ladri ben organizzata, approfittando dell’assenza del giocatore biancoceleste, gli ha svaligiato casa. Denaro contante per settemila euro, gioielli, orologi di valore anche affettivo è stato il ricco bottino che i malviventi hanno portato via dall’abitazione del centrocampista ventiseienne, in via Cassia 1170.
Il furto è avvenuto prima della mezzanotte, mentre era in corso il match calcistico ed a piazza del Popolo esplodevano le bombe carta lanciate dai partecipanti al corteo anti lockdown. I malviventi hanno agito con la consapevolezza che le forze dell’ordine, normalmente impiegate nel controllo del territorio del quadrante nord della Capitale erano impegnate a fronteggiare i violenti ed i facinorosi che avevano dato luogo alla protesta. La polizia del commissariato Flaminio che ha attivato le indagini dopo la chiamata di Correa al 112, sta seguendo diverse piste tra cui quella di una banda di ladri dell’est Europa che aveva pianificato l’irruzione nella dimora romana dello sportivo. 
I detective della scientifica che intervengono nei casi di furti particolarmente ingenti o che riguardano personalità, hanno repertato una serie di tracce ed impronte definite interessanti che potrebbero condurre ai responsabili. Non si esclude nemmeno il coinvolgimento di un basista che possa aver rivelato ai banditi dove erano custoditi i preziosi. Il commando probabilmente è riuscito ad entrare forando una porta finestra. Hanno agito con estrema destrezza e “professionalità” senza che nessuno dei vicini sentisse o vedesse nulla. Intorno alla scena del crimine i poliziotti non hanno trovato telecamere che hanno ripreso la scena del funambolico furto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA