Acilia, in tre violentano in casa una donna di 48 anni dopo averla picchiata e derubata

La vittima, una donna di 48 anni, ha aperto ad uno dei suoi assalitori con il quale aveva un appuntamento, ma di lì a poco è iniziato il suo incubo

Martedì 28 Settembre 2021
Terrore ad Acilia: donna picchiata, rapinata e violentata in casa, sotto la minaccia di una pistola

Paura e terrore ad Acilia. Una donna è stata picchiata, rapinata e violentata in casa sua da una banda di malviventi sotto la minaccia di una pistola. Per un bottino di poco superiore ai mille euro, la vittima, una 48enne peruviana, è stata abusata dai tre che, dopo le indagini dei carabinieri, sono stati arrestati.

 

Leggi anche > Roma, uomo travolto e ucciso da un treno: l'orrore a Capannelle sotto gli occhi del macchinista

 

Secondo la prima ricostruzione dei fatti, è stata la donna ad aprire la porta ad uno dei suoi carnefici, con il quale aveva un appuntamento. Ma dietro di lui c'erano anche i suoi complici, che hanno fatto iniziare l'incubo della donna.

 

Tre le persone arrestate al termine delle indagini dei carabinieri: due 30enni e un 46enne, tutti residenti nella zona dei Castelli Romani. I tre, già noti alle forze dell'ordine, sono ritenuti responsabili della violenta rapina andata in scena la settimana scorsa. I carabinieri di Ostia hanno chiuso le indagini a tempo di record.

 

I tre complici sono riusciti ad introdursi all'interno dell'abitazione in piena notte e, minacciandola con una pistola, l'hanno immobilizzata, rapinata , malmenata e costretta ad un rapporto sessuale, per poi fuggire. La donna è stata, poi, soccorsa dopo qualche ora dal coinquilino, non presente al momento dell'aggressione e rientrato in casa successivamente. 

 

Medicata al pronto soccorso ha riportato una prognosi di 20 giorni. I tre dovranno rispondere di rapina a mano armata, violenza sessuale di gruppo, lesioni personale e porto d'armi abusivo.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 29 Settembre, 07:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA