Trascinata dietro la siepe e violentata in piazza Napoli. Due in arresto, il terzo in fuga

Trascinata dietro la siepe e violentata in piazza Napoli. Due in arresto, il terzo in fuga
2 Minuti di Lettura
Martedì 5 Luglio 2022, 06:00 - Ultimo aggiornamento: 08:08

Violentata alle 2,30 della notte, dietro una siepe del parchetto di piazza Napoli, dove tre uomini l’hanno trascinata per abusarne a turno. È stata una notte da incubo, quella tra sabato e domenica, per una donna brasiliana di 41 anni. L’unica sua fortuna è che c’era ancora qualcuno in giro e un passante, sentite le grida disperate, ha chiamato il 112. Quando i carabinieri sono piombati nell’area verde, hanno placcato un uomo che stava abusando della donna, e un altro è stato arrestato a pochi metri di distanza. Sulla scena c’era anche un terzo aggressore, a detta di alcuni testimoni, che però è riuscito a dileguarsi prima dell’arrivo del Radiomobile.

La vittima, in stato di ebbrezza, è stata aggredita dal gruppetto e trascinata nel parchetto, lo stesso dove era stata trovata impiccata a un albero la stilista Carlotta Benusiglio nel 2016. Lì l’hanno bloccata tra un muro e una siepe e l’hanno stuprata. I carabinieri del Radiomobile e della Compagnia di Porta Magenta le hanno strappato di dosso l’uomo che la stava violentando: è un 42enne della Nuova Guinea, regolare e incensurato. L’altro arrestato, che stava assistendo alla scena da pochi metri di distanza, è un egiziano di 22 anni, irregolare e con precedenti per reati in materia di immigrazione. Sono finiti a San Vittore con l’accusa di violenza sessuale di gruppo. Il terzo uomo citato dai testimoni è ancora latitante. Indicazioni potranno arrivare dai rilievi fatti sul luogo della violenza dagli specialisti della sezione investigazioni scientifiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA