Minorenni narcotizzate e costrette a prostituirsi: cinque indagati. L'incubo di tre ragazze

Le indagini dei carabinieri di Castelnuovo Garfagnana e di Firenze su cinque uomini residenti in provincia di Lucca

Minorenni narcotizzate e costrette a prostituirsi, cinque indagati
Minorenni narcotizzate e costrette a prostituirsi, cinque indagati
2 Minuti di Lettura
Giovedì 3 Marzo 2022, 19:13

Ragazzine minorenni, di età compresa tra i 15 e i 17 anni, narcotizzate e costrette a prostituirsi. Un caso agghiacciante su cui sta indagando la Procura di Firenze, che ha già iscritto nel registro degli indagati cinque uomini adulti, tutti residenti in provincia di Lucca.

Leggi anche > Firenze, guida (con la patente scaduta) contromano e ubriaco: 28 enne denunciato

L'inchiesta è partita grazie alle indagini dei carabinieri di Castelnuovo Garfagnana (Lucca) e da quelli della sezione di polizia giudiziaria della procura di Firenze. Cinque le persone indagate, tutte residenti in provincia di Lucca, per le quali è stato chiesto il rinvio a giudizio. I reati contestati, a vario titolo, sono quelli di violenza sessuale, induzione alla prostituzione minorile e produzione e detenzione di materiale pedopornografico.

Secondo quanto ricostruito, tra il 2017 e il 2021 le ragazzine vittime degli abusi sarebbero almeno tre. Una delle minorenni sarebbe stata indotta da un indagato 70enne ad avere rapporti sessuali con lui e a prostituirsi con i clienti da lui procacciati. L'uomo avrebbe trattenuto per sé il 70% del denaro pagato dai clienti, consegnando alla ragazza la parte restante. In un caso una delle vittime sarebbe stata indotta ad acconsentire a un rapporto con la promessa di un lavoro da parte di un cliente, mai mantenuta.

Sempre secondo le indagini, coordinate dalla procura di Firenze, il 70enne avrebbe convinto alcune minorenni contattate attraverso i social a inviargli video e immagini a carattere pedopornografico, che poi avrebbe a sua volta divulgato. Per i cinque indagati è in corso l'udienza preliminare davanti al gup, che proseguirà il 17 marzo prossimo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA