Dpcm, la proposta di Di Maio a Live : «Preveniamo per evitare lockdown. Tagliamo lo stipendio ai parlamentari»

Domenica 25 Ottobre 2020 di Ida Di Grazia
Dpcm, la proposta di Di Maio a Live per aiutare chi è penalizzato: «Tagliamo lo stipendio ai parlamentari»

Dpcm, la proposta di Di Maio a Live : «Preveniamo per evitare lockdown. Tagliamo lo stipendio ai parlamentari» Il Ministro degli Esteri, ospite da Barbara D'Urso è intervenuto in collegamento per commentare le nuove misure restrittive anti-Covid e le proteste dei giorni scorsi. di Roma e Napoli.

leggi anche > Coronavirus, in Italia 128 morti e oltre 21mila casi positivi con meno tamponi: boom in Lombardia, Campania e Piemonte. Aumentano i malati gravi

Barbara D'urso chiede al Ministro cosa ne pensa delle nuove regole da rispettare a partire da lunedì (domani) previste dal DPCM.

«Sono d'accordo, in questo momento si sta parlando solo dell'Italia ma ricordiamoci che l'Italia è uno dei Paesi con meno contagi in Europa. Dobbiamo anticipare delle mosse e per evitare un altro lockdown servono delle misure più stringenti. La colpa non è degli italiani io non sono d'accordo su chi criminalizza gli italiani, Il fenomeno è europeo. Bisogna ristorare e aiutare subito palestre, ristoratori, bar, dobbiamo aiutare tutti gli imprenditori danneggiati.Io mi batterò per aiutare tutti gli imprenditori danneggiati da queste misure».

Com’è possibile, chiede la D'Urso, che i ristoratori, le palestre ecc,  dopo tutti i soldi spesi, si trovano ad essere penalizzati visto che rispettano le regole?

«Queste misure sono già state adottate in altri paesi d'Europa, tutta la comunità scientifica che supporta ogni Paese sta segnalando queste attività per evitare un altro lockdown. E' una tragedia e ne sono consapevole, siamo a lavoro affinchè arrivino i ristori per supportarli, non è che ci svegliamo a mattina e decidiamo di colpire delle categorie, noi stiamo anticipando le mosse per evitare che l'Italia raggiunga quei paesi che sono in testa nei contagi. Per una volta essere in coda non è un male.  Non possiamo solo pensare di ristorare le attività colpite, dobbiamo creare un canale di fiducia ulteriore tra cittadini e istituzioni. Abbiamo tagliato i parlamentari col referendum ma ci sono ancora troppi privilegi, cogliamo questa occasione per dare un segnale di fiducia agli italiani: tagliamo gli stipendi dei parlamentari, dei consiglieri regionali. Tagliamo tutto quello che non serve, bisogna dare un segnale forte».

Sui disordini di Napoli, il Di Maio ha così commentato: «I commercianti avevano organizzato una manifestazione pacifica di protesta che io comprendo, ma in quell'incontro si sono infiltrati gruppi organizzati che avevano premeditato gli attacchi. Non sei un manifestante in difficoltà sei hai speso centinaia di euro in bombe carta. Solidarietà ai commercianti, condanna assoluta verso questi atti violenti».

Come sarà il nostro Natale se rispettiamo tutte le regole?

«Se si ricorda a marzo io sono stato ospite della sua trasmissione e le avevo detto che se rispettiamo le regole e le portiamo fino in fondo riusciremo a salvare l'estate, se adesso facciamo in modo che il rispetto delle regole faccia abbassare le curva forse non avremo un Natale come tutti gli altri anni, ma almeno insieme».

Ultimo aggiornamento: 22:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA