Corinaldo, sui social insulti e sfottò alle vittime: «Quando diventi un influencer da morto»

Strage di Corinaldo, insulti choc e prese in giro ai morti sui social
Li hanno uccisi due volte. Non solo alla Lanterna Azzurra di Corinaldo. Anche sui social. Stavolta il teatro dello scontro è Instagram, dove account dai nomi più o meno reali hanno iniziato ad approfittare dei profili di alcune delle vittime del concerto di Sfera Ebbasta per un minuto di stupida celebrità.

LEGGI ANCHE Strage discoteca, Michele esce dal coma e ringrazia Totti: «Ci vediamo a Trigoria»

A quasi dieci giorni dalla tragedia di Corinaldo, ancora si naviga in un fiume di commenti sessisti, squallidi riferimenti alla morte dei giovani, bestemmie e parolacce. Codardi digitali che scelgono come loro campi di battaglia i profili dei giovani che non ci sono più: ragazzi e ragazze da tutta Italia si uniscono nella condanna di questi - fortunatamente pochi - account. I parenti sono sconvolti: «Abbiamo già segnalato tutti i profili offensivi alla polizia postale». 


Ciò che colpisce è che questi commenti vengono scritti quasi esclusivamente da persone che non conoscevano nessuno dei ragazzi della Lanterna Azzurra: cosa passa nella testa - ad esempio - di una ragazza appena maggiorenne di Padova per commentare su uno dei profili bestemmie e parolacce? Addirittura una diciottenne prende in giro chi va sul profilo dei ragazzi a lasciare un ricordo o un pensiero: «Oh teste di ... non li può leggere i commenti, è morta». Alcuni utenti invece vogliono solo illudere gli amici, spacciando fake news: «È viva! Lo ha detto la tv!», costringendo gli amici più cari delle vittime alla dolorosa smentita. C’è un altro ragazzo, Marco, super palestrato e (evidentemente) con più muscoli che cervello, che scrive quanto «Gode» della morte di sei persone. 



Altri che usano le foto dei ragazzi di Corinaldo per farne meme e battute idiote e vergognose: «Quando diventi influencer da morto», a segnalare i molti commenti che gli altri utenti hanno scritto sui loro profili per ricordarli ed esprimere cordoglio. Un altro ragazzo, che ha postato foto orribili per diversi giorni ammette: «Volevo vedere quanto vi sareste inc... - scrive in uno dei tanti commenti provocatori - è stato bellissimo. Tutta Ancona sotto i miei commenti». 

Espressioni social talmente squallide da sembrare vane parole, digitate solamente alla ricerca di un segno tangibile della loro esistenza. Perché, diciamolo, quanto posso sentirmi «figo» a scrivere insulti e improperi sul profilo di una persona che so già non potrà rispondermi?



Nei giorni scorsi si sono svolti i funerali delle vittime della Lanterna Azzurra. Ma neanche il dolore delle famiglie è riuscito a spegnere gli haters.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Lunedì 17 Dicembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 11:22
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti