Boris Johnson dopo la visita a Kiev: «L'Ucraina merita di ospitare l'Eurovision 2023»

Johnson: «Ma il fatto è che hanno vinto e se lo meritano. Credo che Kiev o qualsiasi altra città ucraina sicura sarebbe un posto fantastico»

Dopo una visita a Kiev, Boris Johnson ha parlato pubblicamente dell'Ucraina colpita dalla guerra, sostenendo che l'Eurovision debba essere fatto lì
Dopo una visita a Kiev, Boris Johnson ha parlato pubblicamente dell'Ucraina colpita dalla guerra, sostenendo che l'Eurovision debba essere fatto lì
3 Minuti di Lettura
Sabato 18 Giugno 2022, 13:50 - Ultimo aggiornamento: 19 Giugno, 13:25

Il primo ministro Boris Johnson ha dichiarato che spera che l'Ucraina possa ospitare l'Eurovision Song Contest il prossimo anno, perchè «La gente merita di averlo». Come riporta l'Independet, la BBC è in trattative con la European Broadcasting Union (EBU) per ospitare l'evento, al momento impossibile per la guerra in corso.

Il Regno Unito si è classificato secondo nel concorso del 2022, mentre il gruppo folk-rap ucraino Kalush Orchestra ha conquistato la vittoria con 631 punti. Parlando con i giornalisti della RAF Brize Norton dopo essere tornato da una visita senza preavviso a Kiev, Johnson ha affermato di ritenere che dovrebbe essere possibile che il contest musicale si svolga lì, nonostante il conflitto in corso con la Russia. «Sono appena stato a Kiev. Non dirò che è completamente distrutta, ronzio e scoppiettante, ma è molto, molto più vivace. Le persone sono molto più sicure. Le persone sono fuori per le strade a mangiare nei caffè e nei ristoranti in un modo che non erano nemmeno poche settimane fa» ha detto.

Leggi anche > Fedez, «niente sesso prima del matrimonio»? La replica alle parole del Papa alle giovani coppie

«Gli ucraini hanno vinto l'Eurovision Song Contest. So che abbiamo avuto una partecipazione fantastica, so che siamo arrivati ​​secondi e mi piacerebbe che fosse in questo paese. Ma il fatto è che hanno vinto e se lo meritano. Credo che Kiev o qualsiasi altra città ucraina sicura sarebbe un posto fantastico».

L'EBU ha annunciato che a seguito di una valutazione completa e studio di fattibilità, le garanzie di sicurezza e operative richieste per ospitare l'evento in Ucraina non potevano esserci per l'emittente pubblica, UA:PBC. Il canale, tuttavia, ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava di esserle stato «negato il diritto» di ospitare il concorso e ha chiesto la sospensione dei negoziati per una nuova sede.

Anche il capo del suo consiglio di amministrazione, Mykola Chernotytskyi, ha dichiarato: «Siamo delusi da questa decisione dell'EBU. «Durante questo mese, un gran numero di persone in Ucraina ha fatto tutti i suoi sforzi per soddisfare le condizioni per lo svolgimento dell'Eurovision nel nostro paese. La sicurezza è, ovviamente, la nostra prima priorità. «Il team di UA:PBC, autorità statali e locali ha svolto un lavoro approfondito e ha offerto diverse opzioni. «È un peccato vedere una dichiarazione così inappellabile, pertanto chiediamo ai nostri partner di tenere ulteriori negoziati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA