Cashback di Natale, ultimi giorni per partecipare: cosa fare se non funziona il contactless e cosa si può comprare

Venerdì 25 Dicembre 2020 di Stefania Piras
Cashback di Natale, ultimi giorni per partecipare: cosa fare se non funziona il contactless e cosa si può comprare

Avete partecipato all'Extra cashback di Natale? Quanti pagamenti avete eseguito? I pagamenti contactless (quelli in cui bisogna avvicinare la carta senza inserirla nel Pos) sono stati tutti tracciati? Quanto cashback, quanti rimborsi avete accumulato? L'Italia è zona rossa fino al 26 dicembre ma se andrete a fare acquisti, e pagate con carta o bancomat, avrete diritto a un rimborso del 10% dell'importo totale che verrà accreditato a febbraio 2021 sull'Iban indicato al momento della registrazione sull'app IO o nei canali web delle banche o emittenti del servizio.

Tra meno di una settimana si concluderà l'Extra cashback di Natale che è partito l’8 dicembre scorso e si concluderà il 31 dicembre 2020. È un'operazione del governo per incentivare gli acquisti nei negozi fisici (niente rimborso, infatti, per chi acquista online). 

In questa fase, in cui è in vigore l'Extra Cashback di Natale, bastano almeno 10 operazioni cashless (senza contanti) e sarà riconosciuto il 10% di rimborso di quanto speso, fino a un massimo di 1.500 euro (il rimborso sarà quindi di massimo 150 euro).

Sono circa 5,3 milioni i cittadini iscritti al Cashback ad oggi, da app IO e altri canali (valore assoluto 5.325.906) mentre sono 8,5 milioni gli strumenti di Pagamento attivati (valore assoluto 8.555.902). Sono invece circa 22,3 milioni le transazioni elaborate (già acquisite dal sistema e visualizzabili dai partecipanti (valore assoluto 22.367.579). Il Cashback potenziale maturato ad oggi dai partecipanti è di +90,6 milioni di euro (valore assoluto 90.634.310 euro). Di cui, il Cashback effettivo da erogare ai cittadini che già hanno acquisito il diritto all'Extra Cashback di Natale è pari a circa 37 milioni di euro (valore assoluto 36.912.948 euro). 

Carte e contanti addio ora c’è lo smartphone: l'Italia sta scoprendo i pagamenti digitali

Ricapitoliamo come funziona (e come è andato finora). 

Dal 1 gennaio il cashback continua?

Dal 1 gennaio 2021 il cashback continua: il rimborso sarà semestrale, sempre il 10% di quanto speso fino a un massimo di 1500 euro a semestre e bisognerà eseguire almeno 50 pagamenti cashless (senza contanti) a semestre. In un anno dunque si potrebbe arrivare ad accumulare un rimborso massimo di 300 euro (150 euro a semestre).

Cos'è il supercashback

Non solo, dunque, il cashback continua anche dopo Natale ma ci sarà un supercashback per chi fa tanti acquisti e paga tanto con carta o bancomat o con le app sul cellulare (per esempio Bancomatpay, Applepay, Googlepay, Satispay, Paypal, Samsungpay che però, attenzione, non sono ancora attive al momento in cui scriviamo). Il rimborso del supercashback sarà ogni semestre per 1.500 euro, in aggiunta al cashback normale, ai primi 100.000 registrati che abbiano effettuato il maggior numero di operazioni cashless, a patto che eseguano almeno 50 operazioni di pagamento nel corso di quel semestre. Ai fini del rimborso sono considerati i seguenti periodi: 1° gennaio 2021 - 30 giugno 2021; 1° luglio 2021 - 31 dicembre 2021; 1° gennaio 2022 - 30 giugno 2022. I rimborsi del cashback e del supercashback vengono accreditati entro 60 giorni dalla fine del periodo.

Bonus telefono, andrà a chi scarica lo Spid: soldi solo per uno su dieci

Come funziona il cashback in generale?

Per poter partecipare all'Extra cashback di Natale (d'ora in poi cashback di Natale) e poi il cashback ordinario bisogna essere maggiorenni, iscriversi al programma Cashback ed effettuare pagamenti senza contanti, cioè in modalità elettronica, quindi con carte di pagamento o con le app. Attenzione, sono incluse anche le carte utilizzabili solo in un determinato circuito (gift card, social card, carte acquisti) ma devono essere convenzionate con PagoPA. Se la carta ha due circuiti (basta vedere se ci sono più loghi sulla carta: per esempio Maestro e Pagobancomat) deve essere registrata due volte per tracciare tutti i pagamenti ai fini del cashback. Solo dopo aver registrato tutti gli strumenti di pagamento si può iniziare a pagare e quindi ad accumulare il cashback. Non c’è un importo minimo di spesa

Come e dove mi iscrivo?

Ci si iscrive con lo Spid o con la carta d'identità elettronica su IO.it, l'applicazione di PagoPA, la conosce chi l'ha usata la scorsa estate per avere il bonus vacanze, altrimenti si scarica da Apple Store o Google Store. Questo è il profilo social di IO:

 

 

Altrimenti ci si può iscrivere attraverso i sistemi di banche e istituti di pagamento convenzionati con PagoPA. Eccoli qui:

 Per registrarsi serve il codice fiscale, l'indicazione esplicita degli strumenti di pagamento elettronici che si intendono utlizzare e non dimenticate di indicare l'Iban per ricevere il cashback.

Funziona il contactless? (Sì, ci sono stati dei problemi)

Anche PagoPA, la società che gestisce l'app IO, si è accorta, come moltissimi utenti hanno segnalato sui social e al customer care di PagoPa, che i pagamenti contactless non venivano registrati nella app. Da gennaio i problemi dovrebbero essere completamente risolti. Ad oggi, invece, per essere certi che il pagamento sia registrato bisognerà inserire la carta nel Pos e digitare il PIN. Succede, a quanto pare, se nelle carte di pagamento sono presenti più circuiti di pagamento.

Cashback, MEF: osservazioni BCE infondate

Quali acquisti sono validi per ottenere il cashback?

Valgono tutti gli acquisti di beni e servizi come generi alimentari, capi di abbigliamento, spese mediche, farmaci, i pagamenti nei ristoranti, il pieno di benzina. Ma anche i conti di artigiani e professionisti (meccanici, gommisti, elettricisti, idraulici, ingegneri); elettrodomestici ed elettronica di consumo; parrucchieri e servizi per la cura della persona. In caso di dubbio, per verificare che il pagamento sia valido ai fini del cashback si può chiedere all’esercente se il circuito di pagamento che utilizza è incluso nel programma cashless.  Non valgono gli acquisti online. Agli esercenti non occorrono strumenti particolari: è il POS che registra i pagamenti che concorrono a cumulare il cashback. Finora hanno aderito Pagobancomat, American Express, Poste Italiane, Axepta BNL, Banca Sella, Bancomat Pay, Iccrea, Nexi, Satispay e UniCredit. Possono passare anche tre giorni prima di vedere il cashback prodotto dall'ultimo acquisto fatto.

 

Ultimo aggiornamento: 26 Dicembre, 22:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA