Tangenti&stellette: via all'udienza davanti al gup per 11 ufficiali infedeli

Martedì 16 Maggio 2017
Torna in aula, al cospetto del gup Anna de Simone, il primo filone dello scandalo Maricommi. Sott’accusa figurano nove ufficiali superiori, un sottufficiale e un dipendente civile della Marina. Sono a vario titolo i protagonisti del sistema del 10%, inquadrato dal pubblico ministero Maurizio Carbone, il magistrato che in poco più di due anni, tra prima e seconda tranche, ha spedito in carcere un plotone di ufficiali in divisa bianca. Di candido, però, nella loro attività ci sarebbe stato ben poco.
I militari, infatti, sono accusati di aver preteso e intascato dagli imprenditori il 10% del valore delle commesse gestite da Maricommi. Per gli appaltatori un obolo obbligatorio per continuare a lavorare per conto della Marina a Taranto o anche soltanto per vedere saldate con puntualità le fatture. Un sistema illuminato a suon di manette, intercettazioni, denunce e confessioni che hanno travolto una parte, piccola per fortuna, del Corpo.
Nel procedimento, il ministero della Difesa ha già chiesto il conto dei danni morali, quantificati in un milione di euro.
 
Lo scandalo Maricommi deflagrò nel marzo di tre anni fa quando i carabinieri fecero irruzione nell’ufficio del capitano di fregata Roberto La Gioia, comandante del quinto reparto di Maricommi. Il militare venne bloccato nella sua stanza, nel cuore della base navale di Chiapparo, pochi secondi dopo aver intascato una bustarella.
Venne arrestato in flagranza di reato e condotto a casa dove i carabinieri scovarono altri 36.000 euro in contanti, ripartite in buste. Il vero tesoro, però, saltò fuori dalle sue pendrive.
Tra i file vennero individuate le prove di come gli ufficiali di Maricommi si spartivano quel 10% in denaro frusciante, estorto agli appaltatori della Marina.
Così, con il tempo, La Gioia aveva fatto le prime ammissioni e in carcere e ai domiciliari lo avevano raggiunto altri ufficiali.
Oltre che per La Gioia il processo è stato chiesto per i capitani di fregata Giovanni Cusmano, Riccardo Di Donna, Marco Boccadamo, Giuseppe Coroneo, Giovanni Caso e Alessandro Dore, e i capitani di vascello Fabrizio Germani, l’unico a non aver conosciuto l’onta dell’arresto, e Attilio Vecchi. Con loro anche il maresciallo Antonio Summa e il dipendente civile Leandro De Benedictis.
Nella giornata odierna saranno ufficializzate varie richieste di giudizio abbreviato, con cui i protagonisti di questo scandalo intendono beneficiare di uno sconto sulla pena in caso di eventuale condanna.
È invece fissata a giugno, come è noto, l’udienza legata al procedimento nato dalla costola del primo scandalo “Tagenti&Stellette”.
Si tratta del procedimento sfociato nell’arresto del capitano di vascello Giovanni Di Guardo. L’uomo spedito a Taranto per mettere ordine dopo le prime manette. Ma che era finito in carcere con l’accusa di essere l’epicentro di un altro valzer di mazzette. Un valzer che le indagini dirette dal dottor Carbone hanno stabilito essere stato più ampio e inquietante. Ultimo aggiornamento: 17:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento