Scuola, Regioni varano regole su quarantena e Dad: cosa cambia

Tra le ipotesi, numero minimo di contagi più basso per elementari e prima media, e un po' più alto per i più grandi

Martedì 4 Gennaio 2022

Scuola: in vista del rientro in classe, le Regioni sono al lavoro sulla possibilità mettere in atto regole diverse per le quarantene degli studenti a seconda dell'età. La proposta alla quale stanno lavorando i governatori, riuniti nella Conferenza delle Regioni è di distinguere tra studenti di elementari e prima media, e quelli di seconda, terza media e scuole superiori per fissare soglie diverse rispetto al numero minimo di contagi per far scattare la quarantena per tutta la classe attivando la didattica a distanza. Tra le ipotesi un numero minimo di contagi più basso per i piccoli fino alla prima media e più alto per gli alunni più grandi. 

 

Leggi anche > Omicron, rischio arancione per tre Regioni e una Provincia

 

Sul tavolo una bozza di ipotesi messa a punto dagli assessori regionali alla Salute che stamattina si sono riuniti in Commissione per trovare la quadra sulle proposte da avanzare al governo in vista del rientro in classe dopo la pausa natalizia. Nonostante la posizione di alcuni governatori, favorevoli a posticipare il ritorno sui banchi visto il trend dei contagi in salita, il governo non sembra arretrare e intende confermare la prevista data di riapertura in presenza.

 

Si lavora dunque a nuove modalità per la gestione delle quarantene: tra le ipotesi sul tavolo assumere regole diverse con un numero minimo di contagi più basso per gli studenti di elementari e prima media, e un po' più alto per quelli dalla seconda media in poi, sostanzialmente gli over 12, quelle fasce di età dove è più avanti anche la vaccinazione. In quest'ultimo caso, le Regioni starebbero valutando l'ipotesi di far scattare la quarantena e la Dad a partire da un numero minimo di 3-4 casi di contagio.

Ultimo aggiornamento: 16:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA