Vaccini, un marcatore nel sangue rivela se siamo protetti (oppure se non lo siamo)

Lunedì 5 Luglio 2021
Vaccini, un marcatore nel sangue rivela se siamo protetti (oppure se non lo siamo)

Identificati nel sangue i biomarcatori che aiutano a prevedere se una persona sarà protetta dal vaccino anti Covid ricevuto. Il risultato della ricerca dell’università di Oxford potrà aiutare, in futuro, a mettere a punto più rapidamente nuovi sieri. Lo studio è pubblicato sul sito Medrxiv, che raccoglie gli approfondimenti non ancora vagliati dalla comunità scientifica, ed è stato ripreso dalla rivista Nature sul suo sito. L’articolo spiega che il team di Oxford ha identificato un «correlato di protezione» dalle risposte immunitarie dei partecipanti alla ricerca. L’identificazione di tali marcatori ematici, affermano gli scienziati, migliorerà i vaccini esistenti e accelererà lo sviluppo di nuovi riducendo la necessità di costosi studi di efficacia su larga scala.

 

Licenze

 

«Vorremmo avere una misura anticorpale che sia una guida affidabile alla protezione, perché potrebbe accelerare la concessione di licenze di nuovi vaccini», si augura David Goldblatt, vaccinologo presso l’University College di Londra. È quello che in campo immunologico viene chiamato correlato sierologico, cioè la soglia di anticorpi al di sopra della quale si può definire la persona vaccinata come protetta. C’è per alcuni sieri, ad esempio quelli contro l’influenza. Ora si spera di definire questo parametro anche per i vaccini anti Covid. Il risultato di Oxford conferma quanto già osservato da altri studi e cioè la relazione tra i livelli più alti di anticorpi neutralizzanti e la protezione. Gli scienziati, guidati da Merryn Voysey, hanno confrontato la risposta immunitaria di chi si è ammalato pur avendo fatto il vaccino con quella di 1.404 persone vaccinate che non hanno sviluppato un’infezione sintomatica. Si è così scoperto che chi aveva più anticorpi neutralizzanti godeva di una protezione più elevata, anche se non totale, dall’infezione sintomatica. I ricercatori hanno usato un modello per stimare i livelli di anticorpi che corrispondono ai diversi gradi di protezione del vaccino anti Covid nelle sperimentazioni, che vanno dal 50% al 90% di protezione. Altri vaccini che stimolano una risposta immunitaria simile dovrebbero generare un livello di protezione analogo contro le infezioni sintomatiche. «Non è certo però se i livelli di anticorpi stabiliti nello studio aiuteranno a prevedere il successo di altri vaccini, soprattutto quelli basati su tecnologie differenti», riflette Goldblatt.

 

«Casi rivoluzionari»

 

Le correlazioni di protezione sono in genere determinate confrontando le risposte immunitarie dei partecipanti allo studio, tutti vaccinati, con quelle dei «casi rivoluzionari», volontari che hanno ricevuto un vaccino ma sono stati comunque infettati. Ma a causa dell’elevata efficacia di molti vaccini Covid-19 gli scienziati hanno impiegato più tempo del previsto per determinare i marcatori di protezione del vaccino sulla base di casi innovativi, afferma Peter Dull, vicedirettore per lo sviluppo di vaccini clinici integrati presso la Fondazione Bill & Melinda Gates a Seattle. In assenza di studi su «casi rivoluzionari», diversi team hanno tentato di determinare un correlato di protezione per i vaccini Covid confrontando i dati pubblicati sull’efficacia del vaccino con quelli di precedenti studi che misuravano le risposte immunitarie ai sieri. Questi studi suggeriscono che gli anticorpi «neutralizzanti» che bloccano il virus sono un buon predittore del successo di un vaccino. Quelli che innescano alti livelli di questi anticorpi, come i vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna, sono più efficaci dei vaccini Oxford-AstraZeneca e Johnson & Johnson, che hanno generato livelli relativamente bassi di anticorpi neutralizzanti. Lo studio Oxford-AstraZeneca conferma la relazione tra livelli più elevati di anticorpi neutralizzanti e protezione.

 

Authority

 

Spetterà alle autorità di regolamentazione decidere come applicare i correlati di protezione per i vaccini Covid. Il regolatore dei medicinali del Regno Unito ha segnalato che potrebbe approvare un vaccino utilizzando SARS-CoV-2 inattivato, sviluppato dalla società biotecnologica francese Valneva, se innesca livelli più elevati di anticorpi rispetto al vaccino Oxford-AstraZeneca in una sperimentazione di 4.000 partecipanti. Dull afferma che è importante agire con attenzione quando si applicano i correlati di protezione ai vaccini Covid. Se i sieri approvati sulla base di un biomarcatore si rivelassero scarsi nel mondo reale, potrebbero minare gli sforzi di immunizzazione. Ma spera che sviluppatori, regolatori e parti interessate possano presto trovare alcune risposte. «Siamo in un’era in cui la capacità di eseguire nuovi studi sull’efficacia è limitata», spiega a Nature. «Andiamo avanti con altri vaccini».

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 20:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA