Si rompono le acque e partorisce a 23 settimane. La mamma: «Il mio piccolo è un leone ce la farà»

Mercoledì 31 Luglio 2019 di Alix Amer
Si rompono le acque e partorisce a 23 settimane. La mamma: «Il mio piccolo è un leone ce la farà»

Ellonn Smartt, 25 anni, di Des Moines, Iowa, è stata portata d’urgenza in ospedale per un taglio cesareo d’emergenza dopo che le sue acque si erano rotte. Nonostante i medici abbiano detto a Ellonn e al suo partner Jordan Morrow, 25 anni, che il loro bambino probabilmente non sarebbe sopravvissuto, il piccolo Jaden ha sfidato le probabilità. La giovane mamma ha raccontato: «Quando mi hanno detto che non poteva farcela mi si è spezzato il cuore». Il piccolo neonato sta lottando come un leone. Nato a sole 23 settimane è delle stesse dimensioni della mano di suo padre, pesa solo 368,5 grammi.

Muore durante il parto a 35 anni: sei indagati tra medici e ostetriche

Piacenza, bambino di tre mesi morto in casa: La mamma: «L'ho allattato e ha perso conoscenza»
 

I professionisti dello Iowa Methodist Medical Center hanno affermato che i bambini nati così presto spesso non sono completamente formati, non hanno il pieno uso degli arti e non sono in grado di respirare senza assistenza. Ma Jaden è uscito “oscillando il braccino e urlando a pieni polmoni”. Ha anche preso immediatamente il latte materno, i medici lo definiscono “straordinario”.

La mamma orgogliosa ha detto: «Le sue braccia e le dita dei piedi si muovevano e cercava di respirare da solo. È il nostro piccolo miracolo». Ora è super controllato ed è in una incubatrice, i genitori lo visitano ogni giorno. Sperano che continuerà a guadagnare forza e che «possa arrivare a casa entro la sua data di scadenza ufficiale il 6 novembre». Ellonn ha detto a Kcci: «Entro e parlo con lui, e gli dico che sono orgogliosa di lui ogni giorno». La coppia, che ha anche un figlio di tre anni, Elia, ha creato una pagina GoFundMe per aiutare a raccogliere fondi per le sue spese mediche. Sul sito hanno scritto: “Jaden continua a combattere al Blank Children’s Hospital di Des Moines... aiutateci”.

Ultimo aggiornamento: 21:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA