Soggetti fragili e pazienti cronici, la Puglia rimanda il vaccino a fine marzo/primi di aprile

Martedì 2 Marzo 2021

«I cosiddetti soggetti fragili saranno immediatamente vaccinati a conclusione» della somministrazione delle dosi anti Covid agli over 80, «penso ottimisticamente fine marzo, inizio aprile»: lo ha detto al Tgr Puglia, l'assessore alla Sanità della Regione, Pierluigi Lopalco. L'assessore ha aggiunto che per gli altri «servizi essenziali, che vanno dall'amministrazione giudiziaria sino alle telecomunicazioni, stiamo quantificando» i soggetti da immunizzare «in maniera da programmare un calendario sulla scorta di quelle che saranno le dosi previste in consegna». 

Sono 269.135 le dosi dei vaccini anti Covid somministrate in Puglia su una dotazione complessiva di 388.225 (69.3%): i dati sono riportati dal ministero della Salute e aggiornati ad oggi alle 13. Gli over 80 che hanno ricevuto la prima inoculazione sono 37.876, per loro si sta utilizzando il siero di Pfizer o Moderna; tra il personale scolastico, docenti e dipendenti, i vaccinati sono 22.447 (il farmaco usato è quello AstraZeneca), mentre tra le forze armate sono state effettuate 3.460 somministrazioni. Per quanto riguarda gli operatori sanitari, le dosi inoculate sono 161.864, compresi anche i richiami quasi terminati, il 90% dei dipendenti che lavora negli ospedali ha aderito alla campagna. Per il personale non sanitario, invece, sono state usate 24.078 dosi, infine nelle Rsa somministrati 19.410 vaccini. Sono 157.865 le donne vaccinate in Puglia, 111.270 gli uomini. La fascia di età con il maggior numero di somministrazioni è quella tra i 50 e 59 anni, sono 61.449 le dosi inoculate; segue la fascia tra i 40 e 49 anni (50.180), poi 70-79 con 40.923 somministrazioni e 60-69 con 39.059 dosi usate. Gli ultracentenari vaccinati sono 227. 

Ultimo aggiornamento: 3 Marzo, 10:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA