Paragone espulso da M5s, Di Battista lo difende

Giovedì 2 Gennaio 2020 di Mario Ajello
Paragone espulso da M5s, Di Battista lo difende
Sono amici e sodali. Girano in motorino insieme. Si sentono più ortodossi degli ortodossi del grillismo. Sono Alessandro Di Battista e Gianluigi Paragone, appena espulso da M5S. Il Dibba prende le sue difese. Subito, così: “Gianluigi è infinitamente più grillino di tanti che si professano tali. Non c’è mai stata una volta che non fossi d’accordo con lui. Vi esorto a leggere quel che dice e a trovare differenze con quel che dicevo io nell’ultima campagna elettorale che ho fatto. Quella da non candidato, quella del 33%”.

La coppia adesso è unita ma anche divisa. Nel senso che Ale è ancora nel movimento ma in posizione a dir poco defilata e tutt’altro che favorevole all’accordo di governo con il Pd, mentre Paragone è proprio fuori. Chissà se i loro destini si incontreranno di nuovo, o con Dibba che se ne andrà da M5S o con Paragone che verrà riammesso in M5S nel caso (improbabile per ora) che Ale ne diventi il capo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA