Costringe la figlioletta di 9 anni a prostituirsi.
"Anche la moglie obbligata ai giochi erotici"

Martedì 26 Agosto 2014
Avrebbe costretto la moglie e la figlia di 9 anni a vendere il proprio corpo obbligando la donna e la piccola ad avere momenti di intimit con un anziano di 82 anni per poter intascare in cambio 40 euro per ogni incontro. La notizia della chiusura delle indagini in cui compaiono sul registro degli indagati un 51enne ed un 82enne riportata sul Nuovo Quotidiano di Puglia.



Il fatto è accaduto a Nardò (Lecce). I due indagati dovranno rispondere a vario titolo di prostituzione minorile, induzione alla prostituzione, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. Il fascicolo d'indagine è stato chiuso dal sostituto procuratore Stefano Mininni. La bambina avrebbe avuto momenti di intimità con l'82enne all'interno di una casa di proprietà della famiglia, pagando al padre della piccola, in quella occasione che si sarebbe verificata il 19 marzo di un anno fa, circa 150 euro. Ma già in precedenza il 51enne - secondo l'accusa - aveva obbligato la moglie a prostituirsi sempre con lo stesso anziano.



È stata la donna - nel corso di ricoveri in ospedale avvenuti dopo essere stata picchiata dal marito - a raccontare tutto agli psicologi prima e poi ai carabinieri di Nardò. La bambina è stata portata in una casa protetta.
Ultimo aggiornamento: 27 Agosto, 14:03