Lo psicologo Mario De Maglie: «A scuola di emozioni: insegniamo ai bambini che la violenza è sempre una scelta sbagliata»

Mercoledì 21 Luglio 2021 di MARIO DE MAGLIE

Educare il maschile è un concetto non semplice, ma necessario. Dovrebbe partire dalla prima infanzia, da quando i bambini iniziano a ragionare sulle cose e sul mondo circostante, sulla loro identità. Siamo ancora lontani dal far sì che il maschile possa concedere una posizione paritaria alle donne. Sono stati fatti grossi passi avanti, ma non sono sicuro che il dibattito pubblico e gli eventi di sensibilizzazione vadano di pari passo con la popolazione reale, perché è evidente che esiste ancora un maschile piuttosto rigido rispetto a ruoli e a emozioni. In particolare negli adulti, si fa spesso fatica a parlare di emozioni, a meno che non siano emozioni dalla connotazione più maschile, come la rabbia. Educare è fondamentale. Nelle scuole si fa, ma con interventi piuttosto estemporanei. Servono momenti dedicati ad attrezzare emotivamente i ragazzi. Lo psicologo nelle scuole è una figura importante; ma importante è anche supportarli nei luoghi di dibattito, perché lì si apre il confronto e perché nel confronto va evitata l’aggressività. Serve una alfabetizzazione emotiva: capire che non c’è nulla di male se sono arrabbiato, ma che invece è male se picchio qualcuno perché sono arrabbiato.

IL DISCRIMINE

Il discrimine qual è? Non sfogare la rabbia sull’altro. Non è semplice, ci vuole allenamento, come una palestra. Imparare a riconoscere la rabbia e scegliere il nostro comportamento. La violenza sulle donne non è certamente un destino. Il limite di chi non riesce a controllarsi è lo stesso di tanti di noi, uomini e donne: è la voglia di aver ragione, di imporci in qualche modo o di farci giustizia da soli a cui va invece contrapposta la capacità di controllare noi stessi, di capire che l’altro ha tutto il diritto di esprimere un parere diverso. Anche in una relazione è così: se non mi trovo bene posso decidere di terminare quel rapporto, invece di usare violenza. La logica è quella della scelta: si può scegliere un comportamento non violento, lo devi voler e devi capire quali sono le conseguenze delle tue azioni. È difficile sradicare un certo tipo di reazione negli adulti, si può insegnare ai ragazzi di oggi che saranno gli adulti di domani. Anche con il supporto psicologico, che non lavora solo con il disagio ma che fa bene anche a chi sta bene. Bisogna imparare con qualcuno.

RAGAZZI

È la scuola delle emozioni: io capisco che le emozioni hanno diritto di esistere; non hanno diritto di esistere i comportamenti che ledono l’altro. Oggi ce n’è bisogno ancora di più, con la realtà aumentata, con i social e dopo un anno e mezzo di Dad causa Covid. Pesa la mancanza di relazioni, per cui i ragazzi si vedono, scherzano, litigano, prendono appuntamenti: situazioni legate alla scuola, che è anche un format. Se non siamo soddisfati degli adulti di oggi, sarà più difficile con gli adulti di domani, se i ragazzi restano dentro questa impasse.

*Psicologo, psicoterapeuta, vice presidente del Centro di ascolto uomini maltrattanti

Ultimo aggiornamento: 22 Luglio, 16:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA