La svolta si Adriana: "Entro in Forza Italia"

La senatrice Adriana Poli Bortone
LECCE - Affare fatto. La senatrice Adriana Poli Bortone e i suoi passano in Forza Italia. È stretta di mano tra la leader dell’ex Alleanza Nazionale e il Cavaliere a distanza di anni. Quando Berlusconi decretò la morte della prima Forza Italia dando vita al Popolo delle Libertà nel quale confluiva anche An fu la stessa senatrice Poli a fare le barricate non riconoscendosi in quel nuovo centrodestra che tradiva i valori della destra. Ma ora quei tempi sembrano essere passati, non è più il momento della sfida, bensì della “pace” e del riavvicinamento con il partito azzurro.
 
Ieri pomeriggio l’ufficializzazione, almeno interna con il gruppo IoSud-GrandeSud che si è detto d’accordo ad entrare in Forza Italia e che si è presentato, guidato dalla stessa senatrice alla volta del quartier generale azzurro di via Gentile per incontrare Paride Mazzotta e i suoi. Il percorso che ha portato al passaggio del gruppo poliano in quello azzurro è cominciato un po’ di tempo fa. Con la senatrice che ha tenuto informati passo dopo passo i suoi che hanno approvato il passaggio e condiviso l’iniziativa chiedendo però che “ai nuovi entrati” fosse garantita pari dignità all’interno del partito del Cavaliere. Da ui all’ingresso ufficiale in Forza Italia il passo è stato breve. Nelle scorse settimane la stessa senatrice ha incontrato Silvio Berlusconi a Roma e l’onorevole Luigi Vitali, coordinatore regionale azzurro, a Bari. Con loro si sono definite le linee di azione, il percorso da fare nei prossimi mesi. E d’altronde il passaggio avviene in piena campagna elettorale non solo in vista delle amministrative leccesi del 2017, ma anche in vista della chiamata alle urne in alcuni comuni della provincia.
Tanto è vero che ieri, nel primo incontro ufficiale in via Gentile si sono ritrovati a confrontarsi anche i coordinatori cittadini dell’ormai ex IoSud e di Forza Italia. 
Perché Forza Italia, perché è quella che potrebbe offrire più caselle nelle prossime elezioni e perché quella - come si vocifera da tempo in città - che potrebbe sbarrare la strada alla corsa dei Conservatori e Riformisti guidati dall’europarlamentare Raffaele Fitto che nel Salento gioca praticamente in casa. E Forza Italia, che oggi rinasce dopo la spaccatura del centrodestra e le fratture (salvo a Palazzo Carafa dopo il rimpasto della giunta) registrate fino a questo momento, potrebbe voler contare sul considerevole numero di voti che la senatrice da sempre riesce a spostare.
Un “avvicinamento” comunque la senatrice, per molto tempo considerata la lady di ferro leccese, l’aveva avuto nella scorsa primavera quando si candidò alla Regione Puglia proprio con Forza Italia quando appunto i CoR e i forzisti non trovarono l’accordo sul nome da presentare per la corsa a via Capruzzi. Un centrodestra spaccato che agevolò ulteriormente la vittoria del centrosinistra consegnando nelle mani di Michele Emiliano la Regione.
Nuovo capitolo dunque nel partito azzurro leccese con i poliani che pare abbiano già incassato un riconoscimento con Roberto Tundo che pare debba entrare nell’esecutivo provinciale di Forza Italia. Nei prossimi giorni dunque dovrebbe essere presentato il passaggio della senatrice e dei suoi nel partito del Cavaliere. E c’è già chi legge questa “mossa” come un gioco di squadra in vista delle prossime amministrative, sebbene sembra sempre più possibile che il centrodestra si presenti spaccato alle urne. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Martedì 1 Marzo 2016 - Ultimo aggiornamento: 21:47