L'immunologa Antonella Viola: «Quando bocciai il vaccino Sputnik mi arrivò una strana telefonata...»

La rivelazione dell'immunologa dell'Università di Padova: "Quel vaccino non funzionava e i dati non erano chiari"

Martedì 22 Marzo 2022
L'immunologa Viola: «Quando bocciai il vaccino Sputnik mi arrivò una strana telefonata...»

Antonella Viola, la rivelazione sul vaccino russo Sputnik: «Lo bocciai in uno studio su Lancet e ricevetti una strana telefonata, da un sedicente funzionario del Ministero dell'Interno». «Quando sul vaccino Sputnik venne pubblicato il lavoro, insieme a Enrico Bucci e ad altri colleghi a livello internazionale, scrivemmo su 'Lancet' un commento per dire che il vaccino effettivamente non funzionava», ha rivelato l'immunologa dell'Università di Padova ospite di 'Forrest' su Rai Radio1. 

 

Fedez torna a parlare della malattia: «Sarà una giornata importante»

 

«In quei giorni, a parte che il mio telefono cominciò a dare dei seri problemi, ricevetti una telefonata molto strana, di una persona che disse di essere del ministero degli Interni, della sicurezza, non ricordo. E mi disse che voleva informazioni: voleva sapere se io sapessi di più sul vaccino Sputnik. Una strana telefonata, mi chiedeva dati».

 

Talpa russa rivela: «Nei servizi segreti in atto un ammutinamento». Cosa può accadere

 

Antonella Viola ha poi spiegato di non aver avuto più notizie di quel misterioso interlocutore: «Cercavo di capire meglio chi fosse ma è stato molto vago. Mi disse che sarebbe venuto a trovarmi in studio ma non è mai più venuto. Ovviamente non sarà stato qualcuno del ministero, immagino di no, però mi è rimasto il dubbio di capire chi fosse questa strana persona che si è presentata e che ha voluto sapere perché io avessi criticato il vaccino».

© RIPRODUZIONE RISERVATA