Gli stranieri della maxirissa a Peschiera del Garda urlavano: «Qui non vogliamo italiani». Aperte due inchieste

Due inchieste parallele per la Procura di Verona dopo la maxirissa avvenuta il 2 giugno sul Lago di Garda.

Gli stranieri della maxirissa a Peschiera del Garda urlavano: «Qui non vogliamo italiani». Aperte due inchieste
2 Minuti di Lettura
Martedì 7 Giugno 2022, 08:31 - Ultimo aggiornamento: 12:47

Sono due le inchieste parallele sulle quali sta lavorando la Procura di Verona dopo la maxirissa avvenuta il 2 giugno sul Lago di Garda.

La prima riguarda i disordini tra Peschiera e Castelnuovo, in città e in spiaggia. Per questo fascicolo l'ipotesi è di rissa aggravata, danneggiamenti e tentata rapina.

Il secondo filone delle indagini si focalizza specificatamente sulle molestie sessuali denunciate da cinque adolescenti lombarde sul treno che le riportava a casa dopo una giornata a Gardaland. Secondo quanto trapela da fonti giudiziarie, non è escluso che la Procura veronese valuti anche l'aggravante, per la seconda inchiesta, dell'odio razziale, sulla base proprio delle dichiarazioni delle cinque vittime. «Mentre ci toccavano senza lasciarci scampo - ha raccontato una delle adolescenti agli investigatori - ci urlavano 'qui non vogliamo italiani'».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA