Delitto dell'Olgiata, il killer della contessa torna libero dopo 10 anni. L'ira del figlio: «Aberrante, non si è mai pentito»

Torna libero il domestico Reyes. La rabbia della famiglia della contessa

Venerdì 8 Ottobre 2021
Delitto dell'Olgiata, il killer della contessa torna libero dopo 10 anni. Il figlio: «Aberrante, non si è mai pentito»

Manuel Winston Reyes, condannato dieci anni fa per l'uccisione della contessa Alberica Filo Della Torre sarà scagionato lunedì prossimo. Il famoso delitto dell'Olgiata avvenuto nel 1991 vedrà ora il suo colpevole uscire dal carcere dopo 10 anni di pena.

 

Leggi anche > Carabiniere ucciso, morto in casa l'unico testimone dell'omicidio di Cerciello Rega

 

Il maggiordomo filippino che uccise la sua datrice di lavoro ha scontato il suo debito con la giustizia. Dopo tanti anni il figlio della vittima Manfredi Filo della Torre non nasconde però la sua amarezza. Ci sono voluti molti anni prima di individuare il colpevole che ha scontato 10 anni di carcere e a tal riguardo l'uomo commenta a Il Messaggero: «Sapere che per un omicidio si scontano solo dieci anni è aberrante, Reyes non si è mai pentito».

 

«Capisco il garantismo, le tutele ma ricordo a tutti che Reyes è un assassino che non si è mai pentito per ciò che ha fatto ed è stato individuato come l'unico responsabile dopo vent'anni dall'omicidio grazie a mio padre», ha aggiunto Della Torre spiegando che il filippino fu incastrato solo grazie a delle indagini private condotte da suo padre che non è mai stato convinto che si fosse scavato fino in fondo. «Devo dire che provo una profonda amarezza per un sistema che non è stato in grado di individuare il colpevole e poi dare la giusta pena».

 

Per anni gli inquirenti hanno seguito piste sbagliate fino a quando il marito della donna ha preso in mano la situazione. Reyes era stato condannato a 16 anni di reclusione il 14 novembre del 2011, sentenza confermata il 9 ottobre del 2012. L'ex maggiordomo ha perciò beneficiato di una serie di sconti che ne hanno ridotto la pena.

Ultimo aggiornamento: 10:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA